IL DIARIO DI SOLIMO: 17 NOVEMBRE 1989, PILOTA A DUE E A QUATTRO RUOTE

di Fabio Maiorano
Ex centauro di livello mondiale, Enrico Tuzii non ha perso il gusto della velocità e il piacere che solo l’adrenalina riesce a dare. Parcheggiata la moto, che pure gli ha regalato molte soddisfazioni, il pilota sulmonese si è ormai dedicato alle quattro ruote, cimentandosi con successo nel Campionato Italiano Velocità turismo (CIVt), per vetture derivate dalla produzione di serie e raggruppate in classi omogenee di cilindrata e di rapporto peso/potenza, al fine di garantire il confronto equo tra modelli e case diverse. Il pilota Enrico Tuzii riferisce Il Messaggero del 17 novembre 1989 sulla pagina locale – «ha vinto alla grande con la sua Peugeot 205 Rally il campionato italiano di velocità turismo, categoria N5, e la Coppa Peugeot Italia. Il suo successo (dopo il sorprendente trionfo nella passata cronoscalata di Popoli) è maturato attraverso una positiva sequenza di eccellenti risultati che gli hanno consentito di presentarsi al comando della classifica di questo campionato nell’ultima gara disputata sull’autodromo “Dino Ferrari” di Imola. Partito con il quarto tempo, Enrico Tuzii si è sbarazzato degli avversari con una condotta di gara esemplare, concludendo vittoriosamente la prova e aggiudicandosi titolo e coppa.

Un Commento su “IL DIARIO DI SOLIMO: 17 NOVEMBRE 1989, PILOTA A DUE E A QUATTRO RUOTE

  • 17 Novembre 2020 in 12:55
    Permalink

    Ma non si chiamava Corrado???

I commenti sono chiusi