MISTER 18 È POSITIVO AL COVID

Andrea D’Aurelio, Mister 18, il giornalista dell’emittente televisiva Onda Tv è risultato positivo al Covid 19. Lo ha annunciato lo stesso D’Aurelio sulla  sua pagina Facebook nel corso del consueto  aggiornamento di mezzanotte. “Sicuramente questa notte posso dire che è stato accertato un nuovo caso Covid a Sulmona. E’ il mio”, ha detto nella diretta Mister 18, “da questo pomeriggio mi interrogo sull’origine del contagio. E continuo a ripetermi: “ma dove lo avrò preso?”. Ho sempre ritenuto che chi contrae il Covid non è un appestato come pure ho sempre stigmatizzato la caccia all’untore. Per questo, trovandomi questa volta dall’altra parte, ho deciso di annunciarlo pubblicamente. Perchè non bisogna vergognarsi di essere positivi ma di perdere, anche di fronte simili circostanze, l’umanità. “Da qualche giorno D’Aurelio aveva cominciato ad avvertire un pizzico alla gola. Una sintomatologia lieve e blanda. Per questo a titolo cautelativo si è sottoposto domenica mattina al tampone rapido che ha dato esito positivo. Da qui il tampone molecolare di conferma il cui esito è arrivato poco prima della mezzanotte di ieri. Mister 18 ha altresì annunciato che continuerà a lavorare da casa garantendo un’informazione precisa e puntuale così come ha fatto fino ad oggi. Ad Andrea D’Aurelio tutta la redazione di ReteAbruzzo augura una pronta e rapida guarigione.

2 thoughts on “MISTER 18 È POSITIVO AL COVID

  • 16 Novembre 2020 in 15:00
    Permalink

    Forza e coraggio Andrea,,,,, una pronta guarigione….,,,, saluti dal Canada, Franco

    Risposta
  • 16 Novembre 2020 in 08:50
    Permalink

    Dispiace quando si legge dell’aumento dei malati e del passaggio dal colore arancione al colore rosso. Resta sempre il dubbio, meglio la certezza!, che chi poteva ha fatto pochissimo. Non è da ieri che uffici statistici di tutte le regioni indicavano alle Giunte Regionali di un ritono dell’incidenza del COVID 19 già da settembre/ottobre.
    Ma la resa dei conti è arrivata, ora abbiamo ospedali di fatto dismessi dall’importanza funzione sociale, con un termine per questa emergenza che si allontana sempre di più. Speriamo che quado si arriverà al termine di questo ciclo avremo una mente più chiara per le prossime scelte, dove le competenze e le preparazioni non verranno sottovalutate.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *