IN AMBULANZA PER UNA GIORNATA INTERA, MUORE IN OSPEDALE ANZIANO DI VILLALAGO

Per l’intero pomeriggio di ieri  avrebbe atteso in ambulanza fino a notte, quando sarebbe stato preso in carico nell’ex pronto soccorso. Questa mattina è morto, improvvisamente, mentre parlava con un infermiere in seguito, stando almeno ai primi accertamenti, ad un arresto cardiocircolatorio. Vittima della tragica vicenda Attilio Caranfa, 80enne di Roma domiciliato a Villalago, deceduto nella stanza dell’ex pronto sccorso dell’ospedale di Sulmona, trasformata di fatto in un’area Covid pur non essendo attrezzata per il trattamento dei pazienti colpiti dal virus. L’anziano era risultato positivo al tampone rapido e attendeva il riscontro del test molecolare. Solo nelle prossime ore sarà possibile sapere con certezza se il decesso è stato conseguenza del coronavirus, anche se l’attendibilità del macchinario del laboratorio analisi più volte è stata riscontrata. La morte è comunque da legare alla gestione dei pazienti in attesa di diagnosi, tampone e ricovero che si scontra con la sempre grave carenza del sistema, vale a dire la mancanza di una zona attrezzata per evitare attese. Nei giorni scorsi gli operatori avevano minacciato di adire le vie legali mentre proprio questa notte gli addetti ai lavori stavano pensando di chiedere l’intervento dei Nas per far scattare gli accertamenti e i controlli del caso in quello spazio che ultimamente ha preso in carico fino a dieci pazienti, sei solo nelle ultime ore, pur non avendo la pressione negativa e quanto serve per il trattamento dei pazienti Covid. Non è esagerato sostenere che si tratta di un’area Covid “abusiva” o comunque impropria. Sta di fatto che la situazione si fa di ora in ora sempre più intollerabile esponendo gli stessi operatori sanitari a pesanti disagi. Dopo la constatazione del decesso sono scattate le procedure di rito. Mentre nel reparto sale la tensione, segnata da rabbia e sgomento. Non si può dire se la morte potesse essere evitata ma sicuramente la vicenda poteva essere meglio gestita se solo ci fosse stata un’area attrezzata.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *