IL CORONAVIRUS TORNA NELLA CLINICA SAN RAFFAELE: TRE CONTAGIATI

Non si ferma il contagio da coronavirus in città e nel comprensorio. Tre nuovi casi di positività sono stati rilevati nella casa di cura San Raffaele. Il covid ha contagiato un degente e due operatori della struttura sanitaria. Dalla clinica si precisa che il degente è in una stanza singola e i due operatori sono in isolamento. L’accertamento dei tre casi è stato possibile grazie ad un’azione preventiva a tamburo battente avviata dalla clinica negli ultimi mesi, dopo la brutta esperienza del lockdown, attraverso uno screening a cadenza settimanale. La situazione risulta monitorata e sotto controllo mentre un altro degente ha avvertito sintomi da covid e nel pomeriggio è risultato positivo al rapido ma occorre comunque la conferma dai laboratori accreditati. Situazione in evoluzione in Alto Sangro. Una segnalazione è partita dal convitto dell’Istituto Alberghiero dove alcuni convittori sono risultati positivi al test rapido. Nei giorni scorsi si è svolto l’esame di qualifica in presenza. A titolo precauzionale la preside ha avvisato le famiglie visto che le lezioni si svolgono a distanza e i convittori hanno ormai lasciato Roccaraso. Nonostante il tracciamento difficile il report dei positivi conta otto nuove positività nella giornata di oggi, tutte però in corso di verifica e definizione sul domicilio e la residenza. Dai primi accertamenti i nuovi positivi sarebbero domiciliati 3 a Raiano, 2 a Sulmona, uno a Pratola, uno a Villalago e uno a Roccaraso. Un altro contagio extra asl riguarda Popoli, legato al Commissariato di Sulmona. Buone notizie arrivano per otto persone domiciliate a Raiano che risultano guarite come segnalato dal sindaco, Marco Moca mentre il primo cittadino di Scanno, Giovanni Mastrogiovanni,che era stato posto in isolamento dopo il contatto con un caso accertato, è risultato negativo al tampone.