JAMM MO’: AREA PEDONALE FINO AL 31 DICEMBRE E PUNTARE SU CENTRO COMMERCIALE NATURALE

Prolungare l’area pedonale fino al prossimo 31 dicembre. E’ la proposta dell’associazione Jamm Mo’, presieduta da Giuseppe Massaro, che ritiene positiva la fase di sperimentazione che si concluderà sabato 31 ottobre. “Di conseguenza riteniamo si possa speditamente procedere, in accordo con i vari portatori di interesse della città, verso un progetto che elimini il traffico veicolare lasciando spazio alle persone – afferma Massaro – La pedonalizzazione di corso Ovidio, e non di tutto il centro storico, rappresenta a nostro avviso l’unico modello organizzativo coerente con la sussistenza delle attività commerciali e con una piena fruibilità del cuore della città, vero luogo di creazione del valore”. “Abbiamo anche letto ed ascoltato il grido di allarme di una parte dei commercianti  e condividiamo con loro la preoccupazione per il futuro, ma questo non deve impedirci di proseguire con fermezza verso una visione di città che consenta una maggiore fruibilità e trasformi il centro storico in un centro commerciale naturale” sottolinea l’associazione, puntando ad un progetto che in passato venne sponsorizzato dagli stessi commercianti del centro storico. “Il provvedimento già in essere è stato approvato con un accordo ampiamente condiviso – conclude Massaro – con il posizionamento dei varchi in uscita dal centro storico e la presentazione di un progetto orientato ad una maggiore fruibilità di corso Ovidio anche attraverso soluzioni urbanistiche e architettoniche adeguate al contesto. Intendiamo comunque esplicitare che in ogni caso la zona sud del corso va pedonalizzata e realizzato in quella zona il mercato di vicinanza attualmente presente in via Gennaro Sardi”.


One thought on “JAMM MO’: AREA PEDONALE FINO AL 31 DICEMBRE E PUNTARE SU CENTRO COMMERCIALE NATURALE

  • 23 Ottobre 2020 in 14:22
    Permalink

    Ciao Giuseppe, sono d’accordo che ci debba essere un modo innovativo per vivere questa nostra città, credo però che ci siano interessi anche di imprenditori che hanno investito il loro futuro all’interno delle mura cittadine, anche i residenti che hanno dato la loro disponibilità alle nuove regole devono essere messi in condizioni di uscire ed entrare nelle loro case, abbiamo fatto notare a chi di competenza che ci sono stradine che devono essere liberate da parcheggio selvaggio esempio via Paolina che ha il doppio senso di marcia, quando due vetture si incrociano diventa un problema muoversi, abbiamo chiesto di non parcheggiare agli angoli delle strade vedi via Lauro con via Aragona molto spesso non si riesce ad andare verso il Corso, hanno modificato il senso di marcia di via Petrarca assurdo abbiamo già via Stella che permette il rientro in via Ercole Ciofano, mettere uno specchio per permettere a chi esce da vico Lauro di cavarsela, prima o poi ci sarà un incidente, come vedi prima facciamo un lavoro migliorativo poi si potrà pensare ad una chiusura totale, sempre pensando di ascoltare tutti.

I commenti sono chiusi