ATTIVISTI M5S: PERCETTORI DEL REDDITO DI CITTADINANZA AL SERVIZIO DELLA CITTA’, ECCO LE NOSTRE PROPOSTE

“La cura e manutenzione delle aree verdi, l’apertura e l’efficienza del Parco fluviale, il supporto nell’apertura (eventuale ampliamento di spazi ed orari) dei centri di aggregazione, la riapertura della biblioteca comunale, un efficiente info point turistico, reso ancora più impellente dopo la grande affluenza turistica di quest’anno, un supporto nella gestione del canile comunale e magari un servizio di facchinaggio per le attività commerciali nel centro storico, se dovesse proseguire e migliorato il percorso dell’area pedonale in centro della città, cosa che ci auguriamo e che riteniamo sia un notevole valore aggiunto per la città”. Ad avanzare le proposte per l’impiego dei percettori del reddito di cittadinanza in progetti utili alla collettività sono gli Attivisti Movimento 5 Stelle Sulmona, che si affiancano alla senatrice Gabriella Di Girolamo. Il vice sindaco Marina Bianco infatti ha annunciato di recente l’impiego dei percettori del reddito di cittadinanza in progetti utili alla collettività. “Sulmona come tante altre città in questo periodo storico, mostra evidenti lacune nell’offerta di servizi ai cittadini sia per la carenza di personale sia per la mancanza di fondi che subiscono tagli da ormai diversi anni” sottolineano gli Attivisti M5S. “Per noi Attivisti del M5S cittadino il Reddito di cittadinanza è norma che in un Paese che si definisce civile, non può mancare e ad ogni cittadino onesto, deve essere offerta la possibilità di una vita dignitosa. In attesa di un’attività lavorativa ogni percettore del sussidio deve ricambiare ,offrendo parte del tempo a sua disposizione per offrire la manovalanza necessaria a offrire o migliorare i servizi per tutta la comunità soprattutto per tornare ad esserne parte integrante” ricordano gli Attivisti.  Per le tre macroaree individuate, l’ambito dell’Istruzione e formazione e cultura, l’ambito sociale e quello della tutela dei beni comuni e ambiente ci permettiamo di suggerire, se non fossero già state identificate, alcune esigenze che riteniamo rappresentino alcune criticità che la cittadinanza lamenta – concludono – queste sono ovviamente soltanto alcune proposte per progetti utili alla collettività, ma ci auguriamo che come noi, anche altri come comitati, associazioni, partiti politici avanzino proposte e non soltanto critiche per quelle che sono le carenze ed i problemi della città”.



One thought on “ATTIVISTI M5S: PERCETTORI DEL REDDITO DI CITTADINANZA AL SERVIZIO DELLA CITTA’, ECCO LE NOSTRE PROPOSTE

  • 21 Ottobre 2020 in 17:27
    Permalink

    Una norma scritta con i piedi, senza tenere in alcun conto il problema reale del rilancio dell’occupazione, ma affidando ai famosi “navigator” (gli unici fortunati che hanno ottenuto un lavoro) l’onere di ricercare un posto di lavoro per chi fruisce del reddito di cittadinanza, senza vincoli precisi circa eventuali occupazioni socialmente utili, ma stabilendo fasce chilometriche per ogni proposta, senza alcun filtro circa i redditi effettivi che hanno permesso a larghe fasce di bande organizzate delinquenziali di fruire a iosa del RdC. Ad esempio, cosa succede se una persona che oggi fruisce del RdC si rifiuta di andare a lavorare in un canile oppure di fare facchinaggio per i commercianti locali…?

I commenti sono chiusi