MAGGIORANZA, È SCONTRO SULL’AREA PEDONALE

La maggioranza torna in fibrillazione sull’area pedonale. Nel vertice di venerdì sera sul prosieguo del percorso di pedonalizzazione del centro storico, (l’attuale periodo di sperimentazione scadrà sabato 31 ottobre), sono venute a galla diverse opinioni da parte dei consiglieri di maggioranza su come andare avanti riguardo al progetto in corso. Lo riporta oggi il quotidiano il Centro in un articolo firmato da CLAUDIO LATTANZIO. Infatti alcuni consiglieri, in particolare Andrea Ramunno, hanno sollevato l’obiezione che l’emergenza sanitaria consiglierebbe una sospensione dell’area pedonale ed un ritorno momentaneo alla sola Ztl con gli stessi orari precedenti l’istituzione dell’area pedonale. Anche in vista della stagione invernale che non favorirebbe una circolazione di pedoni consistente come quella che si è avuta nella stagione estiva. Ramunno ha sollecitato una revisione degli orari di Ztl con prolungamento dell’orario fino alle 22. Non tutta la maggioranza si è detta d’accordo con la proposta di Ramunno che segnerebbe un passo indietro rispetto al progetto di pedonalizzazione che, bisogna ricordare, è stato votato da tutti i cittadini che hanno permesso al sindaco di vincere le elezioni del 2016, in quanto l’istituzione dell’area pedonale nel centro storico cittadino, è parte integrante del programma di mandato. Ad opporsi con forza alla proposta di Ramunno è stata Deborah D’Amico che non ne vuole sapere di tornare indietro. Nel corso del vertice non sono mancati i momenti di tensione su un nodo molto sentito dai cittadini e in particolare dai commercianti che l’estate scorsa, per ottenere uno scivolamento dell’orario di inizio dell’area pedonale nelle ore mattutine e pomeridiane, sono arrivati al punto di proclamare una giornata di serrata lo scorso 22 luglio. A gettare acqua sul fuoco è stato direttamente il sindaco Annamaria Casini che dopo aver ascoltato i consiglieri comunali ha deciso di prendere in mano la situazione elaborando una proposta che tenga conto delle varie istanze ed osservazioni ascoltando anche le categorie interessate e i portatori di interesse. Contrari ad un ritorno al passato con la sola Ztl sono i cittadini dell’associazione Sulmona senza smog che sabato scorso, in piazza XX Settembre, hanno tenuto un breve sit in chiedendo al sindaco e all’amministrazione comunale di non tornare indietro sull’area pedonale che ha garantito una migliore fruibilità del centro storico da parte di cittadini e turisti che hanno potuto godere la stagione estiva frequentando il centro, liberi dal continuo passaggio delle auto e dall’ inevitabile inquinamento. Altro nodo da sciogliere da parte degli amministratori comunali, è quello relativo agli spazi esterni concessi agli esercizi pubblici per favorire e incentivare la ripresa economica. Molti esercenti visti i risultati, vorrebbero la proroga di queste concessioni, che bisogna ricordare, sono totalmente gratuite, non essendo previsto il pagamento della tassa di occupazione del suolo pubblico. Occorre adesso attendere se da parte dello Stato saranno previsti ulteriori incentivi in modo da compensare le perdite, inevitabili, subite dal Comune per il mancato introito della Tosap. Anche se la soluzione del problema dell’area pedonale per il momento non appare così facile e scontata. Una brutta gatta da pelare finita nelle mani del sindaco a cui toccherà, vista la stagione in corso, togliere le castagne dal fuoco. E non è da escludere che tutto possa ripercuotersi sulla stabilità della maggioranza a pochi mesi dalla conclusione del mandato amministrativo, perché è evidente che tra i consiglieri comunali c’è chi è già entrato in campagna elettorale. 

Corso ovidio, area pedonale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *