SCUOLA PACENTRO, IL TAR DÀ RAGIONE AL COMUNE

Il Tar respinge il ricorso e dà il via libera al Comune per la realizzazione della nuova scuola di Pacentro. La sentenza dei giudici amministrativi è arrivata ieri e fa tirare un sospiro di sollievo sia all’amministrazione comunale, sia alla ditta che si era aggiudicato l’appalto. Dopo lo stop ordinato dalla sospensiva di settembre, ora il cantiere può riaprire.  A mettere in discussione la regolarità dell’aggiudicazione della gara era stata l’Ati, l’associazione temporanea d’impresa, guidata dalla Equila costruzioni dell’Aquila, seconda classificata nella gara, che si era rivolta ai giudici amministrativi affinché cancellassero l’esito dell’appalto andato al consorzio stabile Rennova, anch’esso aquilano. Dopo aver esaminato il ricorso i giudici amministrativi  lo hanno, però, respinto. La gara, gestita dal comune peligno, si è conclusa nel gennaio scorso, in virtù di un ribasso d’asta del 20,13% giudicato da Equila “anomalo”, e che secondo gli stessi ricorrenti sarebbe stato viziato anche da “dichiarazioni non veritiere”. Il taglio del nastro, l’undici settembre scorso, con la posa della prima pietra, con tanto di messa a dimora da parte dei bambini e bambine, di un olmo, albero simbolo di giustizia e di libertà, era stato un momento assai suggestivo e atteso dalla comunità pacentrana. Il progetto del polo scolastico all’avanguardia è dell’architetto Mario Cucinella ed è nato in collaborazione con l’Istituto nazionale di documentazione innovazione e ricerca educativa (Indire), per sostituire il vecchio edificio danneggiato dal sisma del 2009. Ora i lavori appena iniziati potranno ripartire di nuovo verso la realizzazione del plesso scolastico a meno che l’Ati non decida di ricorrere al Consiglio di Stato. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *