CICLISMO, IL TRIBUNALE ANTIDOPING SQUALIFICA PER 32 MESI L’ABRUZZESE DI FELICE

Il ciclista abruzzese Francesco Di Felice, 23 anni di Guardiagrele, è stato squalificato per 32 mesi. Lo ha deciso il Tribunale Nazionale Antidoping che ha confermato l’accordo sottoscritto dalle parti. Il corridore, attualmente in forza alla Sangemini-Trevigiani, è una delle persone coinvolte nello scandalo Altopack (formazione dilettantistica toscana) scoppiato in seguito alla morte di Linas Rumsas nel maggio 2017. Le principali figure della società ciclistica furono arrestate con la pesante accusa di aver creato un sistema di doping di squadra. Per Di Felice e gli altri atleti coinvolti le condanne erano inizialmente di quattro anni per violazione degli articoli riguardanti l’uso o il tentato uso di sostanze vietate o di metodo proibito ma, in base all’accordo sottoscritto dal ciclista abruzzese, il periodo di squalifica è stato ridotto a 32 mesi. Francesco Di Felice negli ultimi due anni aveva ottenuto buoni risultati da dilettante riuscendo ad approdare in una squadra Continental e conquistando un settimo posto nella semitappa d’apertura della Settimana Coppi e Bartali. (D.V.) 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *