LA SALUTE È UN BENE COMUNE

“La salute è un bene comune. Mai come in questo periodo siamo consapevoli dello stretto legame che c’è fra salute di tutti e salute di ciascuno. Ma siamo certi anche di un’altra cosa: i singoli e la comunità sono strettamente legati alla dimensione organizzativa della sanità e alle scelte che la politica è chiamata a compiere“.  Lo affermano gli esponenti di Sbic intervenendo sulla situazione di emergenza sanitaria che sta vivendo il territorio Peligno. “L’efficacia dell’azione istituzionale ha dirette ripercussioni sulla salute dei singoli e della collettività.  Proprio per questo siamo molto preoccupati e indignati per la lentezza e la scarsa convinzione con cui la ASL sta affrontando il problema della diffusione della pandemia in Valle Peligna. Siamo molto preoccupati anche per la scarsa considerazione che viene dimostrata rispetto alle richieste di potenziamento dei servizi che il Sindaco di Sulmona ha avanzato. Siamo anche consapevoli che questa scarsa attenzione potrebbe derivare dalla considerazione che il Sindaco di Sulmona non ha la forza politica giusta per ottenere risultati decisivi per la sua comunità. Tutti ricordiamo che questo Sindaco e la sua maggioranza hanno votato in Consiglio Comunale per declassificare l’Ospedale di Sulmona, abbandonando la battaglia per l’Ospedale di Primo Livello”, sottolineano da Sbic. “E a proposito di politiche sanitarie vorremmo capire fin d’ora come viene declinata in Regione Abruzzo e  in Valle Peligna la scelta di puntare sulla medicina di territorio, quali iniziative l’Amministrazione Comunale di Sulmona ha in programma per ascoltare le necessità e le proposte dei medici di base e delle strutture territoriali”. “La Salute è bene comune  – concludono da Sbic – e la politica deve risposte certe e concordate con la popolazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *