ALLE MARANE ARIA AMMORBATA DAI MIASMI, I RESIDENTI: IL COMUNE NON RISPETTA GLI IMPEGNI PRESI

Chiedono una soluzione al problema dei miasmi, che sono costretti a sopportare da un anno. I residenti della frazione di Marane chiedono all’amministrazione comunale di sapere cosa ha fatto durante quest’anno per porre rimedio ad una condizione divenuta inaccettabile e rischiosa per la salute delle persone, ancora alle prese con l’odore asfissiante emanato dagli impianti Cogesa. “Ad oggi nulla è cambiato, i problemi continuano ad esistere e soprattutto riceviamo segnalazioni di malessere fisico da parte di cittadini che continuano ad inalare odori nauseabondi il cui contenuto è ancora a noi sconosciuto”- fanno notare dal comitato – chiediamo conto al Comune degli impegni assunti con l’atto recepito dall’assise civica: bisogna utilizzare tutte le somme provenienti dal ristoro ambientale per opere utili alla comunità, quali studio – analisi del territorio circostante, dell’acqua, aria e suolo, nonché per tutte le opere necessarie a garantire una corretta mobilità attraverso il miglioramento stradale; verificare le risorse ricevute circa il ristoro ambientale dalle annualità 2013/2019; riferire le azioni volte alla tutela della salute dei cittadini delle zone interessate dalla propagazione di odori molesti. Il comitato torna alla carica”.