ANNULLATA LA XXVI EDIZIONE DELLA GIOSTRA CAVALLERESCA DI SULMONA (video)

La corsa all’Anello in piazza Maggiore per l’aggiudicazione del Palio della XXVI edizione della Giostra Cavalleresca di Sulmona è stata definitivamente annullata. Lo ha comunicato questa mattina, nella conferenza stampa tenuta nella sede dell’associazione culturale Giostra, il presidente Maurizio Antonini insieme all’assessore comunale alla Cultura, Manuela Cozzi. “Avendo preso atto con il direttivo dell’associazione e i capitani di Borghi e Sestieri che sarebbe stato impossibile adempiere a tutte le prescrizioni di sicurezza anticovid, a cominciare da assembramento e distanziamento, abbiamo deciso di annullare l’edizione 2020, dando appuntamento alle date tradizionali di fine luglio e inizi agosto del 2021, per la Giostra di Sulmona e la Giostra d’Europa” ha precisato Antonini. Parlando della situazione economica dell’associazione che ha continuato nella propria attività organizzando la Grande Fiera storica medievale, nei due week end di fine luglio e d’inizio agosto, la mostra dei costumi della Giostra di Sulmona e la proiezione di alcune immagini più suggestive del torneo di piazza Maggiore, Antonini ha ribadito tutta l’importanza dei contributi comunali e regionali con i quali sia per l’associazione Giostra che per Borghi e Sestieri sono fondamentali per proseguire le attività portate avanti dalla Giostra Cavalleresca. “Proprio per andare incontro alle necessità della Giostra, l’amministrazione comunale ha deciso di mantenere un contributo, seppur ridotto, di circa diecimila euro, nei confronti della Giostra” ha sottolineato l’assessore Cozzi. Nonostante la cancellazione delle manifestazioni in piazza Maggiore, hanno ottenuto grande successo sia la mostra dei costumi, nel Museo civico di palazzo dell’Annunziata sia la Grande Fiera storica medievale, che si è svolta lungo i viali interni della villa comunale. Il presidente Antonini infine ha annunciato che probabilmente entro fine settembre potrebbe essere organizzato un grande evento ispirato alla pandemia e all’emergenza sanitaria attuale, così da proseguire nel cammino di avvicinamento che porterà all’edizione 2021 del torneo cavalleresco.