ACCORDO D’AMORE TRA MANDOLINO E PIANOFORTE, SUCCESSO PER IL DUO MAMMOLA-MANGONE

Una sofisticata ricerca sonora da Johann Sebastian Bach ai Queen, il concerto di Francesco Mammola e Giulia Mangone, tenutosi alla Rotonda di San Francesco Della Scarpa domenica scorsa, per il programma “Rotonda in Arte”. La coppia ha galvanizzato gli organi uditivi dei presenti, tirando le corde degli strumenti in un intenso e immortale crescendo. “Abbiamo presentato il mandolino sotto un’altra luce. Suono ‘da sempre’, non ho un ricordo esatto del mio primo incontro con la musica, la ricordo sempre presente nella mia vita. Però la vera attività da professionista è iniziata una decina di anni fa. Ho trasformato uno studio privato nell’Accademia Musicale dell’Alto Sangro, sede di convenzione con il Conservatorio “Casella” dell’Aquila. Il Covid-19 purtroppo è stato un freno per il mondo intero, particolarmente per il settore artistico. Durante la quarantena ho tenuto lezioni online e mi sono dedicato alla scrittura di un metodo di teoria musicale. Ho associato l’attività prettamente ‘teorica’ ad una ‘social’, volta all’intrattenimento dei miei amici con la mia musica”. Un accordo d’amore tra un mandolino e un pianoforte: Francesco Mammola e Giulia Mangone con le loro magiche mani hanno stregato il pubblico. 

(A.D’.E.)