PD ACCUSA: AL COGESA SI PREPARA UN’OPERAZIONE DI MAQUILLAGE POLITICO

Cosa succede al Cogesa? A chiederlo è il circolo sulmonese del Pd, subito dopo la convocazione della riunione del “Comitato di indirizzo strategico e di Controllo” della società, che avrà all’ordine del giorno il “Funzionamento ed Organizzazione dell’Organo Amministrativo”. I nodi, come rileva il Pd, sono quelli dell’attesa approvazione del bilancio, questione discussa anche in aula consiliare, sull’interrogazione presentata dal capogruppo FdI, Mauro Tirabassi, il sequestro giudiziario della stazione ecologica dopo l’operazione svolta dai carabinieri. Per il Pd ci si starebbe invece preoccupando solo di dare una nuova gestione alla società “magari sostituendo l’attuale amministratore, divenuto fin troppo ingombrante, e probabilmente poco funzionale alle esigenze di una campagna elettorale in vista delle ormai prossime amministrative, secondo i desiderata dell’ex assessore regionale al lavoro. Con ciò tentando solo di garantirsi la continuità, nascondendo la polvere delle indagini sotto il tappeto”. Per il Pd sarebbe quindi pronta solo un'”operazione di “maquillage” messa in piedi in fretta e furia per occultare magagne e disfunzioni di ogni tipo delle quali, invece di fare pubblica ammenda, si prova a propagandarle come peccati veniali, autoassolvendosi con uno  pseudorinnovamento in senso democratico. In quest’ottica si auspicherebbe il coinvolgimento delle rappresentanze politiche del territorio, in una sorta di bagno salvifico che tutto monda e rinvigorisce”. “Premesso che come forza politica da sempre attenta alla “questione morale” come cifra di un agire politico esclusivamente volto all’interesse della collettività, non avremmo nulla da condividere con metodologie di gestione di una società pubblica chiaramente volta a coltivare sistemi di potere clientelare di volta in volta usato per acquisire vantaggi di gruppi o persone ben determinate, chiediamo che si faccia  chiarezza sulla gestione di questi anni chiedendo conto all’Amministratore Unico delle sue responsabilità. Posto che stiamo parlando, allo stato dell’arte, di un plurindagato che con un rigurgito di dignità dovrebbe dichiarare il fallimento della sua gestione e dimettersi, invece di farsi usare per promettere concorsi  ad orologeria. Secondo un costume che si è andato affermando in questi ultimi anni di Amministratori della Cosa Pubblica che, invece di agire in piena autonomia, sono lì ad assecondare le volontà dei vari burattinai di turno – concludono i dem – Così come pretendiamo spiegazioni da una sindaca che, in qualità  di Presidente del Comitato di indirizzo e controllo della società come maggior azionista della stessa, quale indirizzo di gestione abbia contribuito a formare, unitamente agli altri sindaci componenti il comitato, e quale controllo abbia effettuato sui risultati conseguiti in questi anni. L’ostinato silenzio in cui ha inteso trincerarsi finora la signora Casini non è più tollerabile. Il dovere istituzionale, oltre che morale, le impone l’obbligo di una tempestiva informativa ai cittadini di Sulmona, su un tema come quello della gestione dei rifiuti in cui non sono ammesse amnesie o, peggio, pericolose connivenze che potrebbero comportare danni irreparabili alla collettività”.