SUICIDA A PREZZA, SI ERA IMPICCATO GIÀ DA DIECI GIORNI

Roberto Mandarini si è impiccato una decina di giorni fa ed è rimasto in quella posizione Gino a sabato pomeriggio quando è stato ritrovato nelle campagne tra Prezza e Campo di Fano. Lo ha stabilito il medico legale al termine dell’ispezione sulla salma del 55enne nella sala autoptica dell’ospedale di Sulmona dove il corpo del 55enne resta a disposizione dell’autorità giudiziaria. La ricognizione cadaverica ha inoltre confermato che si è trattato di un gesto volontario dell’uomo anche se il sostituto procuratore che sta indagando sul caso, si è riservato di decidere se effettuare o meno l’autopsia. Decisione che sarà sciolta questa mattina. Secondo la ricostruzione dei carabinieri, Mandarini si sarebbe impiccato arrampicandosi sull’albero e gettandosi nel vuoto dopo essersi legato una corda al collo. A fare la tragica scoperta è stato un passante, il quale dopo aver visto la tragica scena ha chiamato i carabinieri subito intervenuti sul posto. Sul luogo del ritrovamento del cadavere i Carabinieri hanno rinvenuto la sua auto con gli effetti personali e mozziconi di sigaretta. L’uomo che viveva tra Bugnara e Prezza si trovava in una condizione di indigenza e forse vanno ricercate proprio nella sua difficoltà finanziarie e sociali le motivazioni che avrebbero portato il 55enne a compiere il tragico gesto.