SCOCCIA CENSURA MARSILIO: HA OFFESO E SVILITO L’ALTO SANGRO

“L’unione sancita tra la società calcio Napoli ed il Comune di Castel di Sangro, sarà certamente una grande occasione per la nostra regione. Il fatto che una squadra dalla caratura internazionale come il Napoli getti le basi di una lunga frequentazione proprio a Castel di Sangro ci rende orgogliosi e certi di future prospettive di crescita turistica ed economica. Di contro, Marsilio, guardandosi bene dall’elogiare le qualità di tutto l’Alto Sangro ha ben pensato di offenderlo e svilirlo”. A stigmatizzare le affermazioni del presidente della Regione interviene anche il consigliere regionale Marianna Scoccia. “Un presidente di Regione goffo e impacciato, ormai abituato ad esternazioni poco felici e talvolta offensive come quella su Roccaraso, dove non ci sarebbero, secondo lui, “alberghi di un livello importante” per ospitare il ritiro del Napoli.Marsilio dimostra, inoltre, ancora una volta di non conoscere il nostro Abruzzo tanto da svilire l’alto Sangro, polo turistico di rilievo nazionale, riducendolo alla definizione di montagna di Napoli” accusa Scoccia. “Castel di Sangro, Roccaraso e tutto il comprensorio rappresentano ormai da anni il fiore all’occhiello del turismo montano nel Centro Italia, un vero patrimonio per tutto l’Abruzzo, e l’eccellente progetto, al quale va il mio plauso, concretizzato dal sindaco Caruso insieme al Napoli porterà pregio all’intera regione in termini di immagine e pubblicità, creando turismo, indotto e benefici per tutto il comprensorio” sottolinea il consigliere regionale. “Non è tollerabile , però, che Marsilio, in un’intervista, probabilmente non avendo contezza di quello che realmente offre l’Alto Sangro, disprezzi un comune a vocazione turistica come Roccaraso e tutte le sue strutture. Sono al fianco degli albergatori di Roccaraso e del sindaco Francesco Di Donato che, da anni, offrono un servizio di altissimo livello ospitando gli utenti dei numerosi eventi nazionali e internazionali che si tengono sul territorio e nell’innovativo comprensorio sciistico, e non meritano di essere sminuiti dal presidente romano.Meritiamo tutti, invece, un Governatore che conosca i territori, che cerchi di valorizzare l’Abruzzo intero in ogni occasione, senza lasciarsi andare a giudizi lontani dalla realtà. Dobbiamo lavorare in maniera unita per far conoscere la nostra Regione e non essere i primi a sottovalutarci” conclude Scoccia.