QUARTIERE VALLE MADONNA ED EX EDIFICI SCOLASTICI, IL PD CHIEDE SCELTE CONDIVISE

Le sorti di quelli che furono edifici scolastici, nel quartiere di Valle Madonna, siano decise coinvolgendo opposizioni e cittadinanza, soprattutto i residenti nel quartiere. A chiederlo è il circolo Pd di Pratola Peligna. “Il quartiere di Valle Madonna, uno dei più popolati del paese, con il completamento del collegamento con via Cerrano e l’annunciata realizzazione della residenza per anziani nell’ex scuola elementare, vedrà grandi trasformazioni e cambiamenti che vanno governati e gestiti al meglio dall’amministrazione di concerto con le opposizioni ed i residenti, occasione unica per ripensare insieme la futura riqualificazione del quartiere. Bene la prossima costruzione della nuova strada di collegamento tra il quartiere e via Cerrano, che avrà un ulteriore sbocco, sebbene la stessa incrementerà ulteriormente il traffico; male lo spostamento della residenza per anziani nella ex scuola elementare deciso dal Comune, scartando di fatto il progetto già finanziato per 3 milioni di euro dalla regione Abruzzo che prevedeva la realizzazione dell’opera nella struttura delle ex scuole medie, zona con meno traffico e senza problemi di viabilità. Lo spostamento della Rsa a Valle Madonna potrebbe gravare ulteriormente sulla viabilità già congestionata del quartiere. Lo spostamento priverebbe il quartiere dell’unica area di raccolta in caso di sisma, attualmente individuata proprio nel piazzale delle scuole. Ma la privazione più grande è rappresentata dall’unica possibilità che il quartiere ha di avere una grande area verde, un parco per i tanti bambini dove poter giocare in sicurezza” sostiene il Pd. “Come partito e gruppo d’opposizione riteniamo, infatti, che il quartiere di Valle Madonna necessiti di un’area verde dove i bambini possano giocare liberamente come già fanno nonostante la chiusura dell’edificio, l’area oltre al parco potrebbe ospitare anche un parcheggio pubblico, il quartiere aumenterebbe così la sua vivibilità – continua il Pd – Pratola ha certamente bisogno anche di una Rsa, ma questa dovrebbe essere realizzata nelle attuali scuole medie che rimarranno vuote dopo l’apertura del polo unico scolastico. Struttura quella delle medie senza criticità, priva di problemi di viabilità e realizzabile senza abbattimenti nella stessa zona prevista nella convenzione del 2017 tra il comune e la regione, riqualificando così il quartiere e la struttura”. “Pratola ha bisogno della Rsa, valle madonna di un’area verde e di un parcheggio e i cittadini di Pratola di sapere e scegliere quale sarà il futuro delle vecchie scuole quando saranno libere dopo l’apertura del nuovo polo unico” conclude il circolo dem pratolano.