CANTIERE SNAM IN PIAZZA DI BARTOLOMEO, ESPOSTO IN PROCURA (video)

Un esposto per l’ipotesi di omissione di atti d’ufficio contro il Comune di Sulmona è stato presentato in Procura questa mattina dal coordinamento “No Hub del Gas”. Il portavoce del coordinamento, Mario Pizzola, ha spiegato le motivazioni dell’esposto che riguardano il cantiere aperto dalla Snam in piazza Di Bartolomeo per l’installazione delle centraline di monitoraggio della qualità dell’aria. Secondo gli ambientalisti quel cantiere non sarebbe stato aperto osservando tutte le norme prescritte al riguardo. Nel caso che l’omissione di atti d’ufficio venisse accertata dagli organi preposti gli ambientalisti chiedono la sospensione dei lavori ed il sequestro del cantiere in piazza Di Bartolomeo. “Dopo l’incontro tenuto ieri in Comune questa mattina abbiamo verificato personalmente che in quel cantiere nulla è cambiato, nonostante le osservazioni e sollecitazioni da noi fatte nell’incontro a palazzo san Francesco – ha spiegato Pizzola – per questo abbiamo deciso di presentare l’esposto in Procura”. Riguardo la nota emessa ieri dalla Snam Pizzola ha rilevato alcune contraddizioni. “Anzitutto la Snam ha confuso piazza Di Bartolomeo e le centraline di monitoraggio della qualità dell’aria con la centrale di compressione che vorrebbe installare a Case Pente – ha precisato – inoltre mentre parla dell’inesistenza del cantiere, conclude il suo comunicato riferendo che tutto è in regola e a tutte le autorità preposte è stata comunicata l’apertura del cantiere”. Nel pomeriggio gli ambientalisti del coordinamento “No Hub del Gas” hanno tenuto un sit in nell’altro cantiere aperto per installare la centralina di monitoraggio della qualità dell’aria, nella zona antistante il cimitero di Sulmona, a poche centinaia di metri da Case Pente, la località prescelta dalla Snam per l’insediamento della centrale a compressione.