CASO SCOCCIA, FRATELLI D’ITALIA NEL MIRINO DEI CIVICI: BIANCHI CONSIGLIERE PER APPARENTAMENTO DA FANTAPOLITICA

“Pensando al recente attacco di Fratelli d’Italia al consigliere regionale Marianna Scoccia torna alla mente la parabola della pagliuzza e della trave”. Così i consiglieri comunali Franco Di Rocco e Angelo Amori replicano al recente attacco del coordinamento locale di Fratelli d’Italia, tirando in ballo Elisabetta Bianchi, ricordando che l’esponente FdI, ex Forza Italia, ottenne lo scranno a palazzo San Francesco con un “apparentamento da fantapolitica, per giunta criticato, all’epoca, da esponenti di spicco dell’attuale governo regionale”. Come pure Di Rocco e Amori ricordano che l’attuale capogruppo di Fratelli d’Italia “Mauro Tirabassi, è stato candidato ed eletto tra le fila di una coalizione, “Noi per Sulmona”, costruita da un assessore regionale, Andrea Gerosolimo, di una giunta a trazione Pd”. Al capogruppo di FdI i due consiglieri comunali ricordano anche che è stato “firmatario, tanto quanto noi, del patto del consigliere, puntualmente tradito non appena il vento del centrodestra cominciò a spirare in maniera vigorosa, non prima però di aver conquistato, sempre grazie a questo gruppo politico un seggio in consiglio provinciale, guardandosi bene dal dimettersi nonostante non fosse più espressione di nessuna coalizione”. “Non ci permettiamo, noi, di decidere come ognuno debba svolgere la propria attività politica, tuttavia, da persone che tengono alla città sentiamo di rivolgere un appello ai colleghi di Fratelli d’Italia, quello di ricordare al Presidente Marsilio dell’esistenza del Centro Abruzzo e di Sulmona non solo quando c’è da chiedere di scrivere un comunicato” concludono Di Rocco e Amori.