MOVIDA IN FASE 2, POLIZIA LOCALE SARA’ IN SERVIZIO FINO ALL’UNA DI NOTTE

Prime misure contro movida selvaggia. La Polizia locale sarà in servizio sabato sera fino all’una, così da garantire una vigilanza più stretta sugli assembramenti di giovani lungo le strade del centro storico e nelle immediate vicinanze dei bar da loro più frequentati. Intanto nel pomeriggio di oggi è stato convocato un tavolo tecnico tra Polizia, Carabinieri e Guardia di Finanza, per organizzare servizi di vigilanza e sicurezza durante le ore “di punta” del sabato sera. Mentre il sindaco lancia un appello a giovani e famiglie.E’ l’iniziativa presa dal sindaco Annamaria Casini, che intende risolvere ogni problema, evitando misure drastiche e privilegiando invece il confronto con le categorie interessate e con le forze dell’ordine.Ieri il sindaco ha concluso gli incontri tenuti con i titolari di bar e ristoranti. Questa mattina ha incontrato il dirigente del commissariato di Polizia, Antonio Scialdone. “Occorre garantire agli esercenti la possibilità di riprendere le loro attività dopo mesi di chiusura, ma nel rispetto delle norme di sicurezza anticovid, in primis il distanziamento ed evitare quanto accaduto sabato scorso – spiega Casini – ho chiesto un incremento del controllo, durante il fine settimana, da parte delle forze dell’ordine e ho disposto la presenza degli agenti di Polizia locale fino alle ore 1″. “Ho chiesto soprattutto l’impegno degli esercenti, i quali si sono resi disponibili a collaborare ed evitare così la chiusura serale anticipata dei locali, quale ultima ratio per contenere il fenomeno” continua il sindaco. “Occorre favorire la ripresa economica e anche la possibilità per i ragazzi di riprendere una vita sociale, ma in modo corretto e nel rispetto delle regole, non dimenticando i tanti sacrifici fatti e quelli ancora da fare da parte di tante categorie e persone direttamente colpite, per non vanificarli – precisa ancora il sindaco – prepareremo anche una campagna di sensibilizzazione, ma è necessario l’aiuto di tutti per affrontare la problematica in questa fase2 di un’emergenza che non è assolutamente finita”. “Torno a fare appello alle famiglie e al senso di responsabilità di ognuno che dev’essere trasmesso ai nostri giovani per la salvaguardia della salute di tutti – conclude Casini -Il comportamento di ognuno di noi è fondamentale in questa fase per scongiurare il rischio di contagi”.