“MADONNA CHE SCAPPA”, PROBABILE RITO NELLA CHIESA

Solo domani mattina a mezzogiorno si saprà se la confraternita lauretana avrà deciso di rinnovare il rito della Madonna che scappa, sebbene da compiere non all’esterno, in piazza Garibaldi, ma nella navata centrale della chiesa di S.Maria della Tomba. Un’ipotesi che è al vaglio dei dirigenti del sodalizio di vico del Tempio già da qualche giorno.Lauretani e sindaco Annamaria Casini vorrebbero salvare la tradizione sia pure tornando all’antico, cioè all’interno della chiesa. Da parte sua il vescovo Michele Fusco è apparso più prudente annunciando oggi che comunque a mezzogiorno sarà nella chiesa di S.Maria della Tomba per una preghiera da recitare davanti alla statua della Madonna, vestita con l’abito verde della festa, quello che all’inizio della corsa appare al momento della caduta del manto nero del lutto. Ma in alternativa all’ipotesi del rito tradizionale, riproposto in chiesa, i lauretani potrebbero ripristinare la tradizione della scena della resurrezione di Cristo, che dall’oscurità alla luce, simbolicamente, si mostra alla vista dei presenti. Domani pomeriggio, alle 17, il vescovo celebrerà la santa messa di Pasqua nella Cattedrale di San Panfilo, rigorosamente a porte chiuse. La celebrazione sarà trasmessa in diretta streaming e sui canali social di Facebook, sul profilo personale del vescovo e Instagram, canale diocesi Sulmona-Valva.