LUTTO NELL’ALTO SANGRO, MUORE ALL’IMPROVVISO ENZO PATITUCCI

Ha suscitato commozione e sgomento in tutta la comunità dell’Alto Sangro l’improvvisa scomparsa dell’ex presidente della Comunità Montana Alto Sangro-Cinquemiglia. Laureato in Giurisprudenza all’Università di Napoli, Patitucci aveva lavorato come segretario generale nei Comuni Sant’Angelo del Pesco, Scontrone e Alfedena, per ben trent’anni di stimata carriera. Ma Patitucci si è fatto apprezzare non solo come uomo di amministrazione ma anche come militante politico nella Democrazia Cristiana, vicino sempre all’ex ministro Remo Gaspari, partito del quale fu segretario territoriale dell’Alto Sangro e poi consigliere provinciale. Fu per due consiliature consigliere comunale Dc a Castel di Sangro. Dopo un periodo di pausa nel 2004 tornò nel Consiglio comunale come capogruppo di maggioranza. Residente da sempre a Castel di Sangro, Patitucci era originario di un paese della Calabria. Nel 2016, dopo quattro anni trascorsi alla guida della Comunità Montana, Patitucci fu designato commissario dell’ente ma poco dopo rassegnò le dimissioni, uscendo di fatto dal mondo politico. Come ha ricordato il sindaco Angelo Caruso, Patitucci si prodigò per l’organizzazione di eventi importanti come i Mondiali di sci a Roccaraso e per l’implementazione degli impianti sciistici dell’Alto Sangro. “Ricordiamo Enzo Patitucci perchè questa comunità ha l’obbligo di tributargli un grazie – ha sottolineato Caruso – a lui devo un riconoscimento pubblico, a nome di tutta la comunità dell’Alto Sangro e di tutti i sindaci del territorio che hanno visto in Patitucci un uomo sempre di grande saggezza e di inestimabili qualità morali, soprattutto la generosità e disponibilità”.