CARCERE, IL DIRETTORE CHIEDE TEST COVID PER PERSONALE E DETENUTI

Se i sette test negativi per altrettanti poliziotti penitenziari fanno tirare un sospiro di sollievo nel carcere di Sulmona, questa mattina il direttore Sergio Romice ha chiesto all’Asl di intensificare i controlli di prevenzione, somministrando il tampone per tutti gli operatori del penitenziario e per gli stessi detenuti, così da evitare qualsiasi rischio di nuovi contagi, che hanno già riguardato tre poliziotti penitenziari, positivi al test covid, su ventidue in sospetto virus. Invece un primo caso di positività riguarda Alfedena, in Alto Sangro. Anche se la persona risultata positiva al test è residente in un centro del Pescarese. Infine va segnalato il caso di un giovane sulmonese, che a distanza di quindici giorni dal test, atteso invano l’esito, ha scoperto che il tampone a lui somministrato è andato smarrito nel laboratorio regionale di Pescara. E ha dovuto ripetere il test. Segno che il laboratorio pescarese in questi giorni è sicuramente intasato dall’arrivo di numerosi test e nonostante la collaborazione prestata dall’Istituto Zooprofilattico di Teramo possono verificarsi anche questi casi.