ESERCITO PER CONTROLLI PIU’ SERRATI, IL SINDACO CASINI DIVENTA APRIPISTA DI UNA LINEA NAZIONALE

Il presidente dell’Anci e sindaco di Bari, Antonio Decaro, il sindaco di Giulianova, Juan Costantini e perfino l’onorevole Stefania Pezzopane (Pd) che parla di “forze armate da destinare al controllo del territorio” seguono l’esempio del sindaco di Sulmona, Annamaria Casini, chiedendo tutti l’intervento dell’esercito, nelle loro città, per controllare i cittadini che sfuggono alle regole del decreto di governo, uscendo di casa in tutta tranquillità. Decaro ha scritto infatti al ministro dell’Interno Luciana Lamorgese chiedendo in particolare l’intervento dei Vigili del Fuoco, a supporto dell’azione già svolta dalle forze dell’ordine e dalle Polizie Locali. Non sempre infatti queste forze, ridotte nel numero, sono sufficienti al controllo di tutto il territorio, allo scopo di richiamare i cittadini al senso di responsabilità. La situazione infatti è assai grave, con numeri che continuano a salire, sia per il contagio da coronavirus che per le vittime del virus stesso. Dunque il sindaco di Sulmona fa da apripista ad una linea che si va affermando in campo nazionale, con una intuizione, sebbene criticata da qualche parte, che però si sta rivelando indovinata.