FINTI MEDICI PER RAGGIRARE UN ANZIANO, IN QUATTRO DENUNCIATI DAI CARABINIERI

Si fingono medici per raggirare un anziano, ancora una volta, bersaglio di un tentativo di furto in appartamento. Questa volta però non è andata bene ai malfattori che si sono scontrati con la prontezza di spirito della vittima e con la professionalità dei militari del Comando Stazione Carabinieri di Navelli che sono riusciti in poco tempo ad individuare i ladri. Era il pomeriggio di venerdi scorso quando, alla porta dell’ottantaduenne vittima residente a Navelli, si presentava una donna che, inscenando una fantomatica visita medica per questioni legate alla pensione, riusciva ad entrare in casa portando l’anziano in una stanza da dove non è visibile l’ingresso. L’uomo, già insospettito per la strana situazione, avvertendo rumori provenienti dalla stanza adiacente, come se qualcuno stesse rovistando tra le sue cose, preoccupato, minacciava di chiamare i Carabinieri, allarmando i ladri che vistisi scoperti si davano a precipitosa fuga a bordo di un’utilitaria. Contattato immediatamente il numero d’emergenza 112, prontamente si sono recati sul posto i carabinieri della Stazione di Navelli i quali, sentita l’anziana vittima, hanno avviato una serie di accertamenti a tamburo battente, anche visualizzando le riprese delle telecamere di sorveglianza del paese ed ascoltando numerosi testimoni, grazie ai quali in pochi giorni sono arrivati all’individuazione certa, quindi alla denuncia in stato di libertà, sia della donna che dell’uomo entrati in casa e dei due complici che li attendevano all’esterno a bordo dell’autovettura utilizzata per la fuga. Come sempre in questi casi il consiglio è quello di chiamare immediatamente il numero d’emergenza 112, soprattutto quando ci si trova in situazioni ritenute fuori dall’ordinario come quella sopra descritta, in modo da poter permettere un tempestivo intervento dei militari dell’Arma dei Carabinieri ed assicurare così alla Giustizia questi criminali autori di così detestabili reati in danno degli anziani.