GIOVANE UCCISO A RANCITELLI, PRESO L’ASSASSINO

Fermato dalla polizia il presunto responsabile dell’omicidio di Marco Cervoni, il 35enne morto ieri in ospedale dopo essere stato massacrato nel quartiere di Rancitelli, il più malfamato di PESCARA chiamato Ferro di Cavallo. Si tratta di Guerino Spinelli, 29enne di etnia rom già conosciuto alle forze dell’ordine. L’ipotesi di reato è omicidio volontario. Il sindaco di Pescara esprime un plauso alla polizia che «in tempi rapidissimi ha assicurato il responsabile alla giustizia, dimostrando l’efficienza delle nostre forze dell’ordine”. Annunciando che saranno demoliti tutti quei palazzi dove si spaccia e la cultura principale è quella della violenza. “Dove sono stati creati ghetti» commenta Carlo Masci «noi daremo spazi, come parchi o piazze, che consentano ai cittadini di sentirsi sicuri in contesti vivibili. Negli ultimi mesi, si è rafforzata la collaborazione tra amministrazione comunale e forze dell’ordine con l’obiettivo di garantire più sicurezza ai cittadini. Abbiamo inoltre velocizzato il bando per installare 350 telecamere intelligenti che serviranno a controllare soprattutto le aree più a rischio, altro tassello che servirà per garantire la tranquillità. Il nostro obiettivo» conclude Masci «è rendere Pescara una città sicura, dove i delinquenti sanno che saranno perseguiti in ogni modo».