ASP CASA SANTA E COMUNE, DA CONVENZIONE NUOVO CAPITOLO NEL RAPPORTO TRA I DUE ENTI

Un nuovo capitolo si apre nei rapporti tra il Comune di Sulmona e l’Asp 2, già Casa Santa dell’Annunziata. E l’antichissimo ente sulmonese già guarda al futuro, per realizzare ambiziosi progetti. Nella rinnovata convenzione tra i due enti infatti si va verso una sorta di co-gestione del monumentale complesso dell’Annunziata, ponendo particolare attenzione sulla calendarizzazione di eventi culturali. Inoltre, l’Asp n.2, in concomitanza con il settimo centenario di fondazione della Casa Santa dell’Annunziata e di costruzione del complesso, risalente appunto al 1320, è già al lavoro per costituire un proprio ente di gestione, con autonomo ed indipendente organismo scientifico e di controllo, dove siederanno esponenti del mondo sociale e culturale del territorio, con il compito di valorizzare al meglio possibile il principale complesso monumentale di Sulmona mediante l’organizzazione, per almeno centoventi giorni l’anno, come previsto nella convenzione sottoscritta, di eventi di primario interesse e richiamo. Il costituendo organismo sarà permanente, dotato di un suo regolamento di organizzazione, i cui componenti saranno individuati dal consiglio d’amministrazione dell’Asp n.2, dal Comune di Sulmona e dalla Curia Vescovile. Una quota vincolata per il miglioramento e alla valorizzazione degli impianti del complesso monumentale sarà destinata da Comune e Asp per garantire l’ammodernamento ed il potenziamento degli spazi del complesso monumentale così da renderli fruibili per tutto l’arco dell’anno. A ciò si aggiunge il prossimo intervento già disposto dal Ministero dei Beni Culturali, volto anche al consolidamento delle strutture. La Giunta Comunale dal canto suo, con delibera del 12 dicembre, ha approvato lo schema di atto transattivo e ha stabilito di destinare 40.000 euro come atto dovuto a titolo di transazione ed euro 50.000 euro per la durata del contratto ( 10 mila euro ogni annualità). Il presidente dell’Asp, Armando Valeri, ha espresso piena soddisfazione per la convenzione stipulata, sottolineando che con questo atto si apre una nuova pagina per l’ente che presiede, che risanato, oggi è ente solido e con buone prospettive per il futuro. E in questo futuro l’ente vorrebbe realizzare progetti importanti come una comunità alloggio, un centro diurno per anziani e un centro per attività sportive e ricreative per diversamente abili. Anche il sindaco Annamaria Casini plaude alla rinnovata convenzione, sottolineando come d’ora in avanti il complesso monumentale sarà pienamente al servizio della vita culturale cittadina. “Da oggi potranno essere rilanciati in pieno gli spazi culturali dell’Annunziata – precisa Casini – in particolare i nostri musei su cui ora sarà possibile fare un progetto di valorizzazione, mettendoli in rete anche con il polo civico diocesano, per una fruizione migliore, in accordo anche con la Soprintendenza”.



Il tuo commento