TRAGEDIA SU SS17, CASASANTA AI DOMICILIARI SI DIFENDE:UN ANIMALE MI HA TAGLIATO LA STRADA

Non è stato convalidato l’arresto di Stefano Casasanta, il quarantacinquenne di Pettorano, che la sera di sabato scorso alla guida del suo Suv ha travolto la Punto sulla quale viaggiavano Francesco e Antonio Sciullo, rimasti uccisi nel tragico impatto. Il Gip del Tribunale di Sulmona, che ieri ha interrogato Casasanta, non ha convalidato l’arresto essendo trascorsa la flagranza del reato di omicidio stradale. Invece l’uomo è stato posto agli arresti domiciliari, per evitare che possa di nuovo mettersi alla guida di un veicolo a motore in stato di ebbrezza. Resta intanto ricoverato in ospedale, nel reparto di ortopedia, in attesa dell’intervento chirurgico per le fratture riportate al femore, al bacino e ad un braccio. Casasanta davanti al Gip si è difeso sostenendo di aver fatto un solo bicchiere al bar del distributore Tamoil, poco distante dal luogo della tragedia e di essersi rimesso in auto solo per tornare a casa, dopo essere stato in compagnia di amici. Un animale, all’improvviso, avrebbe attraversato la strada facendogli perdere il controllo del veicolo.

 



Il tuo commento