NELLA CHIESA DI CRISTO RE L’ADDIO A REMO DI MARCO

Giornata di dolore nella chiesa di Cristo Re stracolma di gente che si è stretta oggi pomeriggio intorno ai figli e a tutti i familiari dell’autista Remo Di Marco, che la settimana scorsa è rimasto ucciso in un incidente stradale avvenuto in Austria, nei pressi di Innsbruck.  L’autista era a bordo del pullman che stava accompagnando cinquanta turisti di Pescocostanzo ai mercatini di Innsbruck. Sulla bara è stata posta la sua foto ornata dai fiori e la maglia da arbitro di calcio, la sua grande passione. Poco distante dal feretro un picchetto di ex poliziotti penitenziari, colleghi di lavoro di Remo, prima di congedarsi dal corpo. A celebrare il rito funebre don Giovanni Molinari che nell’omelia ha ricordato la figura dell’uomo e del padre di famiglia, attaccato al suo lavoro e sempre cortese e disponibile con tutti. “È nella logica della natura umana vivere e morire”, ha detto il parroco della parrocchia retta dai salesiani rivolto ai familiari e a tutti i presenti, “è nella logica di Dio ridarti la vita per sempre. In questo momento di dolore dovete aprirvi alla speranza perché Remo è nel regno dei cieli e già prega per voi”. Uscendo dalla chiesa alcuni tra gli amici più intimi ed ex colleghi, hanno ricordato la cordialità e il buonumore che Remo portava ovunque e la gentilezza dimostrata sempre verso tutti. Sui social sono apparse testimonianze di persone che hanno avuto modo di conoscerlo quando guidava il pullman, molto socievole e sempre pronto a soddisfare qualsiasi necessità dei viaggiatori. “Una tragica fatalità lo ha voluto portare via per sempre alla famiglia e agli amici”. Nel mento in cui il pullman è finito contro un mezzo pesante che lo precedeva, Remo aveva appena lasciato il posto di guida avendo avvertito sintomi di stanchezza sedendosi accanto al collega passato alla guida del mezzo. Poi il fatale incidente che ha provocato un decesso quasi immediato, nonostante i soccorsi che gli sono stati prestati immediatamente sia dai colleghi che dai viaggiatori.



Il tuo commento