CASA D’APPUNTAMENTO IN VIALE PATINI, LA POLIZIA DENUNCIA CINQUE PERSONE

Cinque persone di nazionalità cinese, tre donne e due uomini, sono state denunciate per favoreggiamento della prostituzione e due di loro per favoreggiamento personale, a conclusione di un’operazione condotta dalla Squadra Anticrimine del Commissariato di Sulmona. L’operazione è collegata all’arresto di altri tre cinesi avvenuto nel novembre scorso, in provincia di Pescara, sempre nell’ambito di un’operazione finalizzata contro la prostituzione. I cinesi avrebbero aperto una casa d’appuntamento a Sulmona, in viale Patini. La polizia ha attivato servizi di osservazione, dopo numerose segnalazioni informali e confidenziali circa l’attività illecita compiuta, che hanno portato gli uomini dell’Anticrimine a verificare la frequentazione dell’appartamento da parte di centinaia di persone soprattutto in orario serale e notturno. Si parla di sulmonesi noti, tra i quali anche professionisti conosciuti in città. Sarebbero state due le donne cinesi che si sarebbero prostituite. L’appartamento di via Patini era stato preso in affitto mesi prima da un cittadino cinese attraverso l’intermediazione di un altro connazionale. I canoni del fitto venivano pagati regolarmente da una donna cinese al proprietario dell’appartamento, che non sarebbe stato però a conoscenza di quanto avveniva al suo interno. Nel corso del blitz e della relativa perquisizione, il personale della Squadra Anticrimine ha colto in flagranza le due donne cinesi dedite al meretricio. A seguito degli accertamenti, tre loro connazionali, precisamente i due che avevano preso in affitto l’appartamento e la donna che pagava i canoni mensili d’affitto, sono stati denunciati per favoreggiamento della prostituzione, mentre le due donne trovate in casa sono state denunciate per favoreggiamento personale avendo rilasciato dichiarazioni elusive.



Il tuo commento