APC, LO SFOGO DELL’EX DIRIGENTE: ASSOCIAZIONI CULTURALI NON HANNO NULLA DA DIRE?

La chiusura della sede di piazza Venezuela prima e ora l’ipotesi di accorpamento dell’Agenzia di Promozione Culturale ad Avezzano sembrano lasciare indifferente e rassegnata la città, come pure rassegnato alle spoliazioni sembra il comprensorio. Un silenzio che scende inesorabile mentre Sulmona e Centro Abruzzo rischiano di restare “nudi e crudi”, come suol dirsi. Insorge però l’ex dirigente dell’Apc di Sulmona, Maria Luisa De Matteis, con un post sui social. “Avezzano e Vasto hanno l’edificio simile a quello di piazza Venezuela, progettato dall’architetto Paolo Portoghesi – fa notare – e funzionano regolarmente. Le associazioni culturali del nostro territorio, da un’indagine fatta sono settanta, non hanno nulla da dire?”. E’ lo stesso silenzio quello delle associazioni culturali cittadine e del comprensorio in effetti rilevato in altre occasioni che diventa assordante in una città che sulla cultura aspira a costruire, da decenni, la propria ambizione legittima di riscatto e rinascita. Ma si sa, chi tace finisce sempre per acconsentire. E di accondiscendenze questa città ne è colma, tanto da essere umiliata sempre più di frequente.