ALTREMENTI: ACCORPAMENTO APC, LA REGIONE FA CASSA SU AREE INTERNE

“La Regione, per l’ennesima volta, decide di fare cassa sulle aree interne” Lo sostiene il collettivo AltreMenti Valle Peligna a proposito del ventilato accorpamento dell’Apc di Sulmona e del Centro regionale dei Beni culturali, anch’esso con sede nel capoluogo peligno ad Avezzano, chiedendo che invece l’Apc sia conservato e potenziato. “Il provvedimento della giunta Marsilio dimostra che sul tema della cultura non vi è alcuna discontinuità politica rispetto alla giunta D’Alfonso – accusa il collettivo – ci meravigliamo come tale sciagurata decisione venga posta in essere nonostante la presenza di due consigliere regionali del territorio peligno all’interno della maggioranza guidata da Marco Marsilio”.  “La cultura è il veicolo per il rilancio economico-sociale delle aree interne e non una spesa inutile. Questo concetto alquanto banale è ben chiaro ai cittadini e alle cittadine della Valle Peligna, ma non sembra così chiaro per i rappresentanti di palazzo dell’Emiciclo – conclude AltreMenti – il mantenimento dell’Apc è fondamentale in Valle Peligna perché i luoghi di studio e condivisione sono risicati, se non quasi nulli. Chiediamo quindi un impegno forte affinché l’Apc resti al suo posto e venga potenziata per riportare una piena fruizione del servizio e chiediamo che la cultura torni ad essere un volano di sviluppo per le aree interne perché è di una massiccia dose di investimenti che abbiamo bisogno, non di tagli. E non ci dicano che i soldi non ci sono, vista la sciagurata serie di finanziamenti che la giunta Marsilio ha messo in atto in questi mesi, non ultimo il milione di euro dato al festival Rai di cartoni animati”.



Il tuo commento