PIENONE A TEATRO PER LA TRAVIATA, LA STAGIONE DELLA CAMERATA MUSICALE ENTRA NEL VIVO

Pubblico delle grandi occasioni, ieri sera al teatro comunale Caniglia, per l’attesa rappresentazione della Traviata di Verdi. Pienone, con settecento posti tutti occupati, in ogni ordine e spettatori provenienti da tutto Abruzzo e anche da fuori regione, con il nutrito gruppo dell’associazione “Amici della Lirica” di Terni ma anche ospiti provenienti da Firenze e Bolzano. Promotore dello spettacolo è stato l’Ateneo Internazionale della Lirica in collaborazione con la Camerata Musicale Sulmonese. L’Ateneo è istituzione nata per iniziativa dei dirigenti della Camerata Musicale. “E proprio ultimamente l’Ateneo ha stretto un accordo con l’associazione culturale Harmonia Novissima di Avezzano e la Fantasia in Re di Reggio Emilia, ieri in scena al Caniglia, per accrescere la diffusione della lirica in Abruzzo” spiega Gaetano Di Bacco, direttore artistico della Camerata Musicale, soddisfatto del successo che gli eventi proposti nella stagione della Camerata Musicale continuano a raccogliere, con un afflusso di spettatori in continua crescita. Un ente, quello fondato nel 1953, sempre più punto di riferimento essenziale per la cultura musicale in città e nel resto d’Abruzzo. Ed infatti con la Traviata si entra nel clou della stagione della Camerata, che nelle prossime settimane propone altri spettacoli di eccellenza, a cominciare da domenica 8 dicembre con i “Neri per caso”,  proseguendo domenica 15 dicembre, con l’operetta “Scugnizza” e ancora il Balletto russo, il pomeriggio  del 26 dicembre e il 1° gennaio 2020, il tradizionale concerto di Capodanno, in collaborazione con la Dmc Terre d’Amore in Abruzzo. Durante la serata dedicata ad una delle opere più conosciute di Giuseppe Verdi, il Rotary Club di Sulmona ha raccolto fondi in beneficenza a sostegno della lotta alla poliomielite, allestendo un apposito banco nel foyer del teatro, per l’iniziativa “End polio now”, illustrata brevemente dal presidente del Rotary di Sulmona, Vittorio Masci.



Il tuo commento