“PICCOLO COLOSSEO” A PROCESSO SETTE PERSONE

È ripreso ieri mattina il processo sull’inchiesta “Piccolo Colosseo” che vede imputati a vario titolo 6 persone accusate faccio di sostanze stupefacenti, tentata estorsione, lesioni aggravato, minacce e porto abusivo di tre pistole. Si tratta di Eddy Bighencomer, Mario Marruccelli, Fernando Polce, Stefano Passoforte, Lorenzo Pacifico, Raffaele Salas e Francesco Bucci.

Nell’udienza di ieri a sfilare davanti al collegio giudicante del tribunale di Sulmona presieduto dal giudice Giuseppe Ferruccio è stato il perito Mario Di Napoli chiamato a deporre dall’avvocato Stefano Michelangelo per uno degli imputati per il quale era stata chiesta la perizia per accertare se il giovane è nelle condizioni di stare in giudizio e se era capace di intendere e di volere al momento del fatto. Secondo il perito Bighencomer è perfettamente capace di sostenere il processo. Subito dopo è stato ascoltato il maresciallo dei carabinieri Francesco Miccoli, il quale per circa tre ore  ha ripercorso tutte le fasi della vasta inchiesta avviata dai carabinieri della compagnia di Sulmona nel 2012 su una organizzazione dedita al traffico di stupefacenti in città e nel comprensorio. L’udienza è stata quindi rinviata al 25 marzo 2020 per sentire gli altri carabinieri che hanno eseguito appostamenti, sequestro e perquisizioni. In precedenza  altri sette imputati, Fabrizio Gigante, Massimiliano Le Donne, Luca Del Sarto, Mattia Buccilli, Luca Buccilli, Giuseppe Serva e Fernando Polce tutti condannati, ad eccezione di Serva avevano chiuso la vicenda in fase di udienza preliminare. Ha invece deciso di chiudere la storia  patteggiando la pena Alfredo Scala. Il giovane che, da allora sembra aver cambiato vita e frequentazioni, è stato condannato a 3 anni e 8 mesi di carcere.

Il tuo commento