GIORNATA IN MEMORIA DI ANTONIO PADOVANI, LO SPORT PER RICOSTRUIRE LA COMUNITA’

L’importanza dello sport nella ricostruzione di un territorio colpito da calamità sarà l’argomento al centro della giornata di sabato 23 novembre alle 16.30 a Castelvecchio Subequo, nella sala Padre Pio. Una giornata in memoria di Antonio Padovani, personalità politica di Castelvecchio Subequo e della provincia dell’Aquila. Come ogni anno, i familiari e la onlus Antonio
Padovani hanno scelto di affrontare uno dei tanti argomenti che appassionavano Padovani: lo sport. “Da grande cultore di calcio, mio padre ci ha sempre insegnato che bisogna andare avanti come una vera e propria squadra, in casa così come nella vita sociale e politica – ricorda il figlio Gianni, presidente della Onlus – solo con un gioco coeso e ragionato si raggiungono i migliori obiettivi e solo attraverso sconfitte più o meno dure si
posso imparare lezioni che altrimenti non ci aiuterebbero a crescere”. L’evento di sabato sarà occasione utile per ragionare sullo sport e su tutte le sue sfaccettature. Marcel Vulpis, giornalista per Sporteconomy ed opinionista sui temi di sport business per la Rai, per SKY e
Sportitalia, coordinerà la giornata. Con lui interverranno Laura Bortoli, docente della Scuola dello Sport del Coni e Post President AIPS (Associazione Italiana Psicologia dello Sport e dell’Esercizio) che parlerà del difficile e complicato rapporto tra la donna e lo Sport e della lunga strada per superare le differenze di genere che ancora troppo spesso si trovano ad affrontare le atlete e si cercherà di capire come “ricostruire” questo rapporto per un futuro senza barriere con l’aiuto della campionessa di endurance-equitazione Soraya Susco, della campionessa mondiale di ciclismo
amatoriale Chiara Ciuffini e della campionessa mondiale di scherma e medaglia olimpica Margherita Granbassi. Porteranno le loro testimonianze e il loro impegno il deputato Stefania Pezzopane, l’avvocato esperto in diritto dello sport e assessore allo Sport del Comune di Zola Pedrosa (BO), Ernesto Russo e l’assessore allo Sport e all’Impiantistica sportiva della Regione Abruzzo, Guido Liris, per andare ad analizzare con loro più da vicino il
rapporto tra sport e politica che resta ancora un rapporto arduo e difficile da gestire. Con loro sarà avviata una riflessione sui riferimenti normativi e sulle opportunità nei territori insieme ad Eduardo Gugliotta, responsabile Servizio Incentivi per l’Istituto del Credito Sportivo – ICS andando a parlare del ruolo ricoperto dalle associazioni e dagli enti di promozione sportiva, dei fondi
e degli incentivi pubblici e della sicurezza degli impianti sportivi. Con Antonello Passacantando, presidente nazionale dei coordinatori di educazione fisica e sportiva, e con l’arbitro di calcio di serie A, Federico Dionisi, di come sia importante lo sport per ritrovare il benessere psicofisico specialmente a seguito di eventi calamitosi. Un viaggio nella storia dello sport più amato al mondo sarà fatto con l’ex calciatore dell’Inter e della Nazionale, Riccardo Ferri. “Infine ci si concentrerà sul fatto che lo sport altro non è che il gioco della e nella vita di ognuno di noi, insieme a chi ha condiviso avventure sportive con mio padre, Antonio Paolini, Sandro Giangregorio e il presidente dell’AICS Abruzzo, Andrea Padovani. – conclude Gianni Padovani – con loro spero di poter ricordare quello che mio padre mi ha insegnato: lo sport va amato e praticato proprio per poter
elevare l’animo che si impegna nel duro lavoro quotidiano come valvola di sfogo e di ricostruzione dello spirito e del corpo. Sono orgoglioso ancora una volta di poter condividere il ricordo di mio padre Antonio con tutti coloro che vorranno partecipare, e allo stesso di tempo di poter continuare
ogni anno a lavorare sull’impegno preso di ricostruire non solo il cemento. Partire dalle strutture per arrivare a ricostruire i sentimenti, questo il nostro grande obiettivo. Dopo aver rimesso insieme i mattoni, è ora di rimettere insieme le persone. I cittadini del nostro incantevole territorio hanno
​ bisogno di tornare insieme e noi vogliamo farlo tramite la IV^ edizione di
Anamnesi, giornata di cultura politica in memoria di Antonio Padovani”.


Il tuo commento