AI DOMICILIARI CON IL BRACCIALETTO LA GIOVANE DELLA DROGA IN GARAGE

Arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, per la trentacinquenne sulmonese, Daniela Marinilli, arrestata il 25 ottobre scorso, nell’ambito dell’inchiesta della Guardia di Finanza, segnata dal ritrovamento di una quantità consistente di stupefacenti nel garage dell’economo del Comune, Armando Di Pietro. Il Tribunale del Riesame ha accolto quindi l’istanza di scarcerazione per la donna presentata dall’avvocato Alberto Paolini. La donna è stata trasferita dal carcere di Chieti a casa della sorella, a Cocullo. Intanto proseguono le indagini sul caso e le ricerche del sulmonese Massimiliano Le Donne, che si è reso irreperibile dal 2 ottobre scorso, giorno nel quale finirono in carcere l’economo del Comune, Di Pietro, e il romano Adriano Esposito, che in una Fiat Cinquecento portava il carico di stupefacenti. Ai domiciliari dal 31 ottobre scorso anche Guido Petrarca, coinvolto nella stessa inchiesta, fidanzato della Marinilli.



Il tuo commento