RESTA NEL DIMENTICATOIO LA FONTANA DI S.MARIA DI RONCISVALLE

Ancora nel dimenticatoio la fontana di Santa Maria di Roncisvalle, abbandonata tra erbacce e rifiuti. La bellissima fontana è una delle più antiche della città, probabilmente di origine romana, epoca in cui sembrerebbe ci fosse, nella zona, una fonte considerata sacra. Vista la sua posizione sul percorso del tratturo Celano-Foggia che i pastori affrontavano con le loro greggi, la fontana ha avuto nel passato grande rilevanza. Oggi è abbandonata al proprio destino, affondando nel degrado. Uno spettacolo desolante quello che si offre ai turisti, un monumento di grande rilevanza soprattutto per la storia delle tradizioni popolari, lasciato in totale abbandono, tra la vegetazione che riempie ormai anche la vasca ed i soliti incivili che, noncuranti dell’importanza del sito, lasciano lì, tra le altre cose, bottiglie di plastica, pacchetti di sigarette e cartacce. Sono stati scarsi i lavori di manutenzione della fontana nel corso del tempo, uno degli ultimi risale all’aprile scorso quando il Comune ha provveduto a dare solo una sfoltita alle erbacce, che dopo poco tempo hanno di nuovo invaso l’area. A due passi dal centro storico, un monumento dimenticato lasciato alla mercé di chiunque, anche di vandali. L’ultimo caso risale al gennaio 2017 quando venne trafugato un bassorilievo di epoca romana ai piedi della fonte, mentre in precedenza erano anche stati rubati i rubinetti dei mascheroni. La fontana di Santa Maria di Roncisvalle è uno di quei casi, come tanti altri, che testimonia, ancora una volta, la scarsa attenzione verso il patrimonio storico e verso alcuni monumenti cittadini condannati ad essere dimenticati nel degrado. Le istituzioni è bene che si muovano e pongano rimedio a questi casi.

 

L.M.