SPERIMENTAZIONE 5G, LA MINORANZA DI INTRODACQUA CHIEDE CONSIGLIO COMUNALE

La minoranza consiliare al Comune di Introdacqua chiede una seduta di Consiglio comunale da dedicare alla questione della sperimentazione 5G. “Le discussioni non si placano in seguito alla questione riguardante la “sperimentazione” della tecnologia di comunicazione “5G” nel territorio del nostro comune – sottolineano i consiglieri comunali Salvatore Esposito e Livio Susi – per questo abbiamo formalmente depositato il 15 ottobre scorso la richiesta di convocazione per un consiglio comunale avente all’ordine del giorno la discussione della problematiche inerenti la possibile realizzazione nel territorio comunale di una rete di sperimentazione “5G”. “Senza voler alimentare alcuna polemica in merito, pretendiamo, allo stesso tempo, la massima trasparenza e la massima informazione nei confronti di tutti i cittadini su quanto l’Amministrazione ha intenzione di fare – spiegano Esposito e Susi -già da tempo aspettavamo una convocazione per la discussione, ma ciò non è accaduto e, per questi motivi, abbiamo deciso di procedere ad una formale convocazione a cui il Sindaco deve ottemperare entro 20 giorni”. Sulla questione è scaturito un dibattito sia a livello locale che nazionale e già altri Comuni hanno preso posizione sulla tematica dichiarandosi contrari a tale sperimentazione sui territori. Continua la minoranza “Per ragioni di correttezza e rispetto, invitiamo tutti ad essere presenti e, allo stesso tempo, auspichiamo la partecipazione dei “movimenti” sorti contro ed a favore dell’utilizzo di questa tecnologia di comunicazione, per meglio comprendere i rischi e pericolosità anche sulla salute dei cittadini” sottolineano i due consiglieri comunali. “Alcune riflessioni e considerazioni, per questa vicenda, devono essere fatte, con la presenza ed il sostegno della cittadinanza, questi sono i principi della buona gestione della “cosa pubblica”, a cui questo gruppo consiliare si ispira.
Attendiamo risposte da questa Amministrazione” concludono Esposito e Susi.