“IL SANGUE DI FRANCESCO”, A SULMONA LA PRESENTAZIONE DEL VOLUME DI SANTILLI

Sarà la chiesa di San Francesco di Paola ad ospitare domenica prossima, 6 ottobre, la presentazione del volume “Il sangue di Francesco”. L’incontro è fissato alle 18.30, al termine della celebrazione della Messa pomeridiana. L’opera di Massimo Santilli in maniera originale affronta il tema inedito delle reliquie di sangue di S. Francesco d’Assisi e del prodigio della liquefazione, vantando la prefazione di Grado Giovanni Merlo, uno dei più autorevoli storici italiani. All’iniziativa, promossa dalla Fraternità di Sulmona dell’Ordine Francescano Secolare e dai Frati Minori Cappuccini, interverranno il vescovo di Sulmona-Valva, Michele Fusco, il ministro provinciale dell’Ordine dei Frati Minori, Fra Nicola Galasso, Ministro Provinciale dell’Ordine dei frati minori ed il professore Luigi Pellegrini, già docente di Storia Medievale all’Università degli Studi “G. D’Annunzio” di Chieti-Pescara. Saranno inoltre presenti la comunità dei Frati Minori Cappuccini, la Fraternità dell’O.F.S. di Sulmona e l’autore, oltre a Donato Silveri, funzionario della Regione Abruzzo e responsabile dell’Agenzia di Promozione Culturale di Sulmona e Rosa Giammarco, presidente della sezione sulmonese di Italia Nostra. Il volume, con oltre 90 illustrazioni nel testo fra documenti, disegni e fotografie realizzate anche da Luca Del Monaco, svela la seduzione di una indagine che, colmando un vuoto di ricerca, ha consentito di censire interessanti materiali, anche inediti, sulla reliquia più importante di S. Francesco d’Assisi costituita dal suo sangue stimmatizzato. Attraverso la lettura del libro-inchiesta si ottiene una visione d’insieme sulle reliquie ematiche del santo e ci si imbatte nel fenomeno mistico della liquefazione entrando nella complessità di un simbolismo che interroga i vari contesti ambientali dove l’evento si manifesta (localizzati in più parti della penisola fra cui Castelvecchio Subequo) e interpella gli indirizzi dell’analisi storico-religiosa e socio-antropologica di un percorso di conoscenza coinvolgente che stimola profonde riflessioni personali e collettive. Seguendo un ideale percorso di visita si ha modo di osservare veri capolavori d’arte in cui trova sede la memoria e la potenza spirituale del Poverello di Assisi, e di cogliere la percezione che si è avuta dei sacri resti dai secoli passati fino ai nostri giorni. L’interessante proposta editoriale, che offre un valido contributo alla conoscenza e divulgazione del patrimonio religioso, storico-artistico e socio-antropologico abruzzese, ha avuto già recensioni da importanti organi d’informazione nazionale, come “Avvenire”, “L’Osservatore Romano”, “Il Manifesto”, “Radio Vaticana”, RAI 3 Tgr, “Il Messaggero di S. Antonio”, la “Libreria Francescana Internazionale”, oltre a pagine social e a siti istituzionali dei Franti Minori Conventuali e dei Frati Minori (www.seraphicum.org, www.assisiofm.it, www.sanfrancescopatronoditalia.it). Altre informazioni sono disponibili sul sito ufficiale: www.ilsanguedifrancesco.org.



Il tuo commento