L’ASSESSORE BIAGI TIRA FUORI DAL CASSETTO GLI AGGREGATI PER RIDARE OSSIGENO ALL’EDILIZIA

Una decina di aggregati edili, per una ventina di milioni di euro. Questi i numeri che segnano l’iniziativa dell’assessore all’Urbanistica, Luigi Biagi, per far ripartire gli aggregati, fermi già da qualche tempo nei cassetti di palazzo S.Francesco, restituendo ossigeno al comparto edile, traino dell’economia locale. Erano infatti fioccate le proteste dei cittadini, che dal terremoto di dieci anni fa attendono di poter ristrutturare e mettere in sicurezza le loro abitazioni. Come pure erano tanti i malumori delle imprese edili per lo stallo degli aggregati. Biagi è stato a colloquio con il nuovo dirigente del IV Settore, Gianfranco Niccolò, per definire tutta l’operazione di riavvio degli aggregati edili, che dovrebbe concludersi entro novembre. La procedura, secondo le norme in materia, prevede la perimetrazione degli aggregati, con approvazione della giunta comunale e la costituzione dei consorzi, con la designazione di un amministratore. Il consorzio indica successivamente progettista e impresa per poi presentare il progetto che segue il suo normale iter. Intanto in questi giorni l’assessore Biagi si recherà all’ufficio Usrc di Fossa per riprendere i progetti ancora fermi, così da accelerarne i tempi affidandoli a professionisti incaricati dal Comune e chiedere nuovi fondi a beneficio delle attese ristrutturazioni.