SEDUTE CONSILIARI IN ORARI DI LAVORO, AD OPI INSORGE LA MINORANZA

Esprimono sconcerto i consiglieri comunali di minoranza al Comune di Opi, denunciando il fatto che “a pochi mesi ormai dalle elezioni amministrative, sia stato fissato “nuovamente” un Consiglio comunale in un giorno feriale e ad un orario centrale della giornata (ore 15) in cui si è nel pieno dei propri impegni lavorativi”. “Vogliamo evidenziare ciò, poiché abbiamo più volte richiesto la convocazione dei Consigli comunali in giorni e soprattutto in orari più consoni, per permettere sia ai consiglieri stessi, ma soprattutto ai cittadini di partecipare, ricevendo puntualmente sempre risposte negative” precisano i consiglieri Opi Bene Comune.  “La partecipazione al consiglio comunale è di fondamentale importanza per la vita politica e civile di una comunità e a tal proposito abbiamo sempre ritenuto necessaria la richiesta di orari diversi per la convocazione dello stesso ma puntualmente i consigli comunali venivano fissati ad orari inusuali, alle ore 10 o alle ore 15, in giorni comunque centrali della settimana” continuano. “Appare evidente, altresì, che la politica e l’amministrazione della cosa pubblica nel nostro piccolo borgo, non si fondino sui principi della condivisione e del confronto reciproco, che porterebbero ad una crescita sociale, civile e culturale della comunità in cui viviamo – conclude Opi Bene Comune – ricordiamo infatti che da anni non assistiamo alla realizzazione di opere pubbliche, che questa estate non è stata organizzata nessuna manifestazione culturale dall’ente comunale e che vige una preoccupante situazione finanziaria”.