LE VIE DELLA MEMORIA, LA X EDIZIONE AD UN POETA ROMANO. COMMEMORATO VITTORIO MONACO

Enrico Meloni, di Roma, è il vincitore della decima edizione del Premio di Poesia dialettale “Le vie della memoria” intitolato allo scrittore e poeta Vittorio Monaco. Nell’auditorium dell’Annunziata, nella cerimonia conclusiva, sabato scorso, Meloni ha ricevuto il primo premio assoluto per la poesia “Celo de piommo”. Al secondo posto si è classificato Antonio Covino di Napoli, con la poesia “Per Gaia”. Terzo piazzamento per Renzo Fantoni di Crevalcore  (Bologna) con la poesia “Cla tra”. Il Premio Città di Sulmona è andato invece a Gabriele Recchia, abruzzese di Pianella, con la poesia “La luce de llu côre”. Menzione speciale della giuria, presieduta da Marcello Teodonio, per la poesia “Migranti” presentata da Nicoletta Chiaromonte di Roma. I concorrenti, come ogni anno, sono venuti da ogni parte d’Italia. Particolarmente toccante è stato il momento della commemorazione del professore Vittorio Monaco, cui è intitolato il premio ed il Centro Studi, nel decennale della scomparsa. A ricordare l’opera del poeta e scrittore è stato lo stesso presidente della giuria. Teodonio ha ricordato l’impegno prezioso di Monaco, intellettuale, poeta e studioso, docente prima e preside poi negli istituti superiori sulmonesi, politico, sindaco di Pettorano, suo paese natìo, amministratore di enti territoriali e consigliere comunale nel Comune di Sulmona. Il saluto dell’amministrazione comunale sulmonese è stato portato dall’assessore alla Cultura Manuela Cozzi, la quale ha conferito, insieme al vicepresidente del Centro Studi e Ricerche Vittorio Monaco, Antonio Di Fonso, il Premio speciale “Città di Sulmona”, in un emozionante evento in cui protagonisti sono stati la poesia e il dialetto, veicoli preziosi di identità e culture di paesi e città. L’evento è stato organizzato dal Centro Studi e Ricerche Vittorio Monaco, con il Patrocinio del Comune di Sulmona.La manifestazione conclusiva del premio è stata animata anche dalla presenza del Duo Discanto, Michele Avolio e Massimo Domenicano. I due musicisti hanno proposto un repertorio di canti popolari della tradizione abruzzese.



Il tuo commento