NOMINE IN ENTI REGIONALI, IN BALLO ANCHE NOMI DELLA POLITICA PELIGNA

Nomine negli enti regionali in dirittura d’arrivo, a conclusione del confronto serrato e come sempre non privo di tensioni tra i partiti della coalizione di centrodestra. Per l’Ater aquilana la presidenza andrebbe ad Isidoro Isidori, per quella di Teramo a Mario Ceci.  Mario Lattanzio, consigliere comunale a Popoli, sarebbe presidente dell’Ater di Pescara e a Lanciano la presidenza sarebbe affidata a Fausto Memmo. Per la presidenza dell’Ater di Chieti si fa il nome di Antonio Tavani (Fratelli d’Italia). Ancora incerta la designazione del presidente dell’Ater Pescara che spetta a Forza Italia. Ripartizione fatta anche per le Aziende per il diritto agli studi universitari. Alla Lega andrà l’Adsu L’Aquila, con Elena Morgante presidente e nel Cda composto Antonio Pensa, in quota Azione politica, e Sara Cecala Pd. Per Chieti-Pescara la presidenza Adsu andrebbe ad Isabella Gualtieri, (Forza Italia), segretaria del coordinatore regionale e sanatore Nazario Pagano. Infine a Teramo la presidenza andrà a Fratelli d’Italia avrà la presidenza: il prescelto sembra essere Nicola D’Ambrosio, con Costantino Cianfaglione, ex vice sindaco di Pratola Peligna, in quota Pd, come componente del Cda. L’Arap andrà a Giuseppe Savini, (Forza Italia) e nel Cda un posto sarebbe occupato dalla sulmonese Mariella Iommi (Fratelli d’Italia), candidata alle regionali del 10 febbraio scorso.

 



Il tuo commento