FUGA DA PALAZZO S.FRANCESCO, UNA DECINA DI DIPENDENTI CHIEDONO DI ANDARE VIA

Dipendenti comunali in fuga da palazzo S.Francesco. L’ultimo a lasciare il Comune di Sulmona è stato qualche giorno fa l’ingegnere Fabrizio Petrilli, funzionario dell’ufficio tecnico, che ha preso servizio nel Comune di Raiano. Tra pensionamenti e mobilità gli uffici comunali rischiano di svuotarsi, accrescendo le difficoltà della macchina burocratica, spina dorsale dell’amministrazione della città. E proprio le incertezze sul riassetto della macchina comunale sarebbero all’origine di questa emorragia di dipendenti cui si aggiungono calcoli e ambizioni personali, che rendono il clima sempre più pesante. In fermento anche il corpo di Polizia Locale, nel quale le domande di mobilità sarebbero già otto. Ad inizio dell’anno la prima a lasciare palazzo S.Francesco è stata Katia Panella, dirigente del Terzo Settore. Sandro Cangialosi, architetto funzionario dell’Urbanistica, a primavera, si è congedato anticipando il suo pensionamento. Ha chiesto la mobilità Marianna Centofanti, in partenza per la Prefettura. Fioccano certificati medici, spesso provenienti dal Centro di salute mentale. Questi ultimi infatti attestando condizioni di stress dei “dipendenti-pazienti” non li obbligano a restarsene a casa. Con il personale che prende altre strade e lascia il palazzo municipale tutto si fa più difficile. Risposte devono venire a questo punto dalla politica, che non può continuare a restare a guardare.



Il tuo commento