PD: RIMPASTO DI GIUNTA, ENNESIMA SCENEGGIATA A PALAZZO S.FRANCESCO

“Ennesima sceneggiata con il solo fine di distrarre la città dal disastro dell’amministrazione di “poca salute” pubblica, rispetto alla quale il Partito democratico, come noto, è in modo netto e indiscutibile all’opposizione”.Sul ventilato rimpasto della giunta comunale interviene il circolo sulmonese del Pd, parlando di “nuova pantomima di fine estate” messa su da qualche consigliere comunale, sulla sostituzione dei due assessori Luigi Biagi, vice sindaco e Mauro Tirimacco. “La sindaca di diritto dopo aver dismesso i panni della damigella della Giostra Cavalleresca o quelli della sposa a Villalago non avendo alla vista altri impegni di promozione turistica per i quali ha scoperto una vera e propria vocazione, ha dichiarato di esserne all’oscuro ed ha minacciato, come le è capitato di sovente durante questo mandato, eventuali dimissioni – sottolineano i dem- dimenticando, l’inconsapevole, che se non si allineera’ ai desiderata del gruppo Di Masci, rimasto senza partito, sarà comunque mandata a casa.I molti problemi di questa povera città troveranno così adeguata soluzione”. E il Pd segnala, tra gli altri, il problema della società Cogesa che “presa da altre attività  imprenditoriali, non si è accorta del repentino quasi esaurimento della discarica (come riferiscono i due consiglieri di minoranza dopo una visita a Noce Mattei). Il suo ampliamento sotto l’Amministrazione La Civita, giova ricordarlo, venne autorizzato con il solenne impegno  di non stiparvi neanche unchilo in più dei rifiuti prodotti dai Comuni soci. L’agibilità dei molti edifici scolastici, con il Liceo Classico Ovidio sempre in attesa di un intervento di ripristino. Il decoro e la pulizia del centro storico, dove la “Villa Comunale” è ridotta ormai ad un simulacro di verde pubblico con la maggior parte della sua flora in via di estinzione, facile ricettacolo di ogni sorta di sporcizia e atti di vandalismo.L’area camper, finalmente completata, ma ahi noi, colpevolmente già abbandonata a sé  stessa con i primi danneggiamenti ad opera dei soliti vandali, come il Parco Fluviale in attesa da sempre di un provvedimento di concessione che ne assicuri la vigilanza e la fruibilità. E, per finire, quella tanto attesa riorganizzazione della macchina burocratico-amministrativa in grado di affrontare le molte complesse sfide che attendono l’amministrazione”. “Fiduciosi nell’ennesima eventuale nuova giunta, ce ne scusiamo se non riusciamo ad indicarne il numero, abbiamo perso il conto, ci auguriamo che qualche consigliere, rimasto senza partito e colto da tardiva ma apprezzabile resipiscenza ponga fine a questo strazio” conclude il circolo Pd.


Il tuo commento