LA HORIZON GESTIRA’ L’ASILO REGINA MARGHERITA ED ANNUNCIA SERVIZI INNOVATIVI

L’Asilo “Regina Margherita” di Sulmona verrà gestito per i prossimi tre anni dalla Horizon Service, cooperativa sociale, che annuncia servizi innovativi per i bambini. La Cooperativa di Sulmona, operativa sul territorio da più di venti anni, ha risposto infatti al bando di gara dell’Azienda di Servizi alla Persona N. 2 della Provincia dell’Aquila arricchendo l’offerta formativa. “Oltre al normale servizio educativo che verrà svolto con operatori professionalmente qualificati, verranno garantiti una serie di servizi innovativi che metteranno al centro i piccoli utenti e il loro percorso di crescita – spiega il presidente della Horizon, Gennarino Settevendemie – le attività educative verranno implementate anche attraverso percorsi individualizzati condivisi con le famiglie degli alunni e seguite da personale specializzato”. Il servizio prevede, inoltre, l’attivazione di una sezione Primavera, l’unica riconosciuta dal ministero dell’Istruzione e presente sul territorio comunale, per i bambini che hanno da 24 a 36 mesi di età ed una sezione di scuola  dell’infanzia parificata per i piccoli dai 3 ai 5 anni di età. La cooperativa per rispondere alle esigenze della famiglie, qualora vi sarà esplicita richiesta, garantirà la prosecuzione del servizio anche per il periodo estivo. Nei prossimi giorni si terrà un incontro con le famiglie degli alunni già iscritti per condividere la progettazione, raccogliere eventuali suggerimenti e proposte e sarà possibile anche raccogliere nuove iscrizioni per l’anno scolastico 2019-2020. “L’azienda, operante nel settore del sociale, ha come obiettivo sicuramente quello del risanamento dei conti, ma allo stesso tempo è necessario efficientare i centri gestiti così come avvenuto per la residenza per anziani “Casa Santa” precisa Armando Valeri, presidente dell’Asp 2. Con tale operazione si punta al rilancio del Regina Margherita, una scuola che è stata per decenni punto di riferimento della città grazie anche alla gestione oculata da parte delle suore, che ringrazio ancora una volta. L’intero consiglio d’amministrazione dell’Asp si dice “convinto della bontà di questa operazione, che di certo rappresenta una possibilità di crescita ed appunto rilancio della struttura. La scelta della co-progettazione è stata fatta da un lato per garantire massima trasparenza e dall’altro per evitare esternalizzazioni sic et simpliciter che avrebbero sortito benefici semplicemente di bilancio”. Valeri ringrazia inoltre il direttore generale dell’Asp 2, Alessandro Pantaleo, per la scelta giuridica e progettuale della co-progettazione, istituto che ha consentito di attivare una procedura di selezione rivolta in via preferenziale a soggetti del Terzo Settore al fine di rispondere adeguatamente ai bisogni della persona e della comunità, che ha brillantemente individuato, elaborato ed infine posto alla ratifica del consiglio d’amministrazione.



Il tuo commento