TROPPA PUZZA DALLA DISCARICA, I RESIDENTI DELLE MARANE SCENDONO IN STRADA CONTRO IL COGESA

Serata movimentata ieri nella frazione delle Marane con i residenti che sono scesi per strada per protestare contro l’odore nauseabondo e la puzza insopportabile proveniente dalla discarica di Noce Mattei. Urla e grida contro il Cogesa responsabile, secondo i sulmonesi che hanno le loro case nella frazione ai piedi del Morrone, di non attivare le necessarie  contromisure per arginare il fenomeno che da qualche giorno sta rendendo la loro vita impossibile. Ieri sono intervenuti i carabinieri che hanno dovuto faticare non poco per riportare la calma. Non prima però di aver stilato un rapporto in cui hanno evidenziato la situazione di disagio che si vive nella zona. “Siamo stufi di dover respirare tutte le sere quest’aria putrida e puzzolente”, afferma l’ex sindaco di Sulmona Fabio Federico, in prima fila ieri sera a guidare la protesta con gli altri residenti che si sono riuniti al bivio tra le Marane e via Noce Mattei, la strada che conduce alla discarica del Cogesa. “Abbiamo richiesto l’intervento dei carabinieri che hanno preso nota della situazione riportando tutto in un verbale. La gente non ne può più perché anche dentro casa l’aria è irrespirabile. La situazione è insostenibile e se non verranno presi provvedimenti la protesta diventerà ancora più eclatante”.

I carabinieri intervengono per calmare i residenti della Marane
I carabinieri intervengono per calmare i residenti della Marane

Il tuo commento