RIFIUTI MALEODORANTI, IL SINDACO CON I CITTADINI DI MARANE CHIEDE INTERVENTO DEL COGESA

“Sono al fianco del nascente Comitato delle Marane che in questi giorni sta sollevando il problema dell’odore nauseabondo proveniente dalla vicina discarica di Cogesa spa, che inevitabilmente nel periodo estivo è acuito dalle alte temperature e che sta causando molti disagi e preoccupazioni ai residenti”. Il sindaco Annamaria Casini sta sicuramente dalla parte dei cittadini delle Marane, associandosi alla protesta contro il Cogesa e chiedendo al presidente del Cogesa l’immediata convocazione del Controllo Analogo. “E’ una questione che va affrontata in modo deciso, ed è per questo che ho voluto sentire direttamente il referente del Comitato avvocato Gennaro Carugno cui ho rappresentato la volontà dell’amministrazione di affrontare in modo deciso la questione, nell’interesse della città di Sulmona ed in particolare dei residenti che lamentano da tempo un intervento risolutivo” sottolinea il sindaco. “Il Cogesa è una realtà imprenditoriale importante che fornisce un servizio pubblico essenziale ed in questi anni ha spinto molto per migliorare sia la stabilità della società, attraverso un allargamento della base sociale, sia la qualità del servizio della gestione integrata dei rifiuti, con l’implementazione della raccolta differenziata in molti comuni, raggiungendo percentuali di tutto rispetto – precisa Casini – ma questi risultati  non possono gravare sulla qualità ambientale e mettendo a rischio la salute dei residenti dove incide l’impianto. Per questo motivo, nella mia qualità di sindaco di Sulmona nonché presidente del Comitato per il Controllo Analogo ho chiesto all’amministratore unico di Cogesa spa, Vincenzo Margiotta, di affrontare tempestivamente la questione e di convocare una seduta del Controllo Analogo che metta al primo punto dell’ordine del giorno la problematica ambientale della discarica di Cogesa spa. e, pertanto, confido nella disponibilità del presidente e degli altri colleghi sindaci per la risoluzione definitiva del problema”.


Il tuo commento