LA POESIA DANNUNZIANA RIVIVE NEL SUO LUOGO D’ISPIRAZIONE CON PAGLIAI E GASSMAN

La poesia di Gabriele D’Annunzio è tornata a vivere ieri sera in uno dei suoi luoghi privilegiati d’ispirazione, Anversa degli Abruzzi e la Valle Sagittario. Importanti frammenti di poesia dannunziana sono stati riproposti nello splendido scenario di piazza Belprato, da due grandi attori, Ugo Pagliai e Paola Gassman, nell’anteprima nazionale del recital teatral-musicale “Sogna mia cara anima”, ideato e prodotto da Davide Cavuti, che con il suo ensemble ha scandito in sonorità suggestive i momenti salienti del recital. Il titolo del recital è tratto dalla poesia “Consolazione”. Pagliai e Gassman, davanti ad un pubblico attento e coinvolto, hanno presentato le poesie dannunziane più note come Consolazione, La pioggia nel pineto, I Pastori. Poi i due attori non hanno mancato di suscitare l’entusiasmo del pubblico con “incursioni” in poesie di Ovidio, Leopardi, Trilussa e Neruda. Una breve ma intensa prolusione è stata quella curata dall’attrice e studiosa della letteratura dannunziana, Franca Minnucci, in passato già impegnata ad Anversa in eventi dedicati al Vate. “La poesia di D’Annunzio rivela non solo l’ispirazione che trae da questi magnifici luoghi, dove si respirano storia, cultura, odori particolari che vengono dalla sua vegetazione lussureggiante ma rivela anche l’amore che il poeta nutrì per questi luoghi, fin dal primo momento che li conobbe da vicino” ha ricordato Franca Minnucci, riportando alla memoria l’escursione a cavallo di D’Annunzio con Antonio De Nino e Francesco Paolo Michetti, che suscitò il fascino del Vate verso questa terra, concependo “la più perfetta” delle sue tragedie “La fiaccola sotto il moggio”. Tutti motivi, ha sottolineato Minnucci, che devono portare ad una piena valorizzazione in queste terre, dalla Valle Sagittario alla Valle Peligna e a Sulmona, della figura e dell’opera di Gabriele D’Annunzio. Ed un primo passo, in questo senso, è stata la nascita ad Anversa del Parco letterario intitolato al grande poeta abruzzese.

 

 

 



Il tuo commento