SINDACO E TRE CONSIGLIERI: FERMA CONDANNA DELL’INCENDIO DELL’AUTO DEL GIORNALISTA

“Tutta la mia vicinanza e solidarietà a Claudio Lattanzio, sia da un punto di vista umano che istituzionale, per il grave episodio che l’ha visto suo malgrado protagonista” dichiara il sindaco Annamaria Casini. “Mi auguro che gli inquirenti facciano al più presto chiarezza sull’incendio che ha mandato a fuoco l’auto del giornalista Sulmonese la cui professionalità e serietà è nota a tutti – prosegue il sindaco – se fosse confermata l’ipotesi della natura dolosa del rogo, sarebbe un fatto molto grave e contemporaneamente preoccupante. Andrebbe a ledere la libertà dell’informazione e ad ferire una città come Sulmona, dove episodi criminali da condannare non appartengono alla nostra comunità, pacifica e tranquilla”. “Vogliamo dissociarci in maniera ferma da tutti gli atti di violenza che non rappresentano in alcun modo il volto della nostra comunità” sostengono i consiglieri comunali Maurizio Balassone, Francesco Perrotta e Fabio Pingue, che oltre ad esprimere piena solidarietà al giornalista colpito dal vile gesto incendiario, associano a questo atto di violenza anche il ragazzo canadese, di recente aggredito a Sulmona, all’immigrato Sadio, anch’egli vittima di una terribile aggressione e ai due anziani colpiti da violenza omofoba. “Questa città, la nostra comunità non è lo specchio violento di questi tristi episodi” concludono i consiglieri. In questo momento assai delicato occorre che sia fatta chiarezza su episodi di violenza, perchè non abbiano a prevalere sulla nostra comunità e perchè a questi episodi inquietanti non seguano indifferenza, silenzio e reticenze che diventano tutte forme di complicità con chi commette atti di oltraggio alla dignità delle persone e dell’intera comunità.



Il tuo commento